02/02/2023

La regione Friuli Venezia Giulia ha previsto la realizzazione di 10 ciclovie di prioritario interesse regionale; di queste ben quattro dovrebbero incrociarsi nel territorio gemonese (la FVG 1 “Alpe Adria”, la FVG 3 “Pedemontana”, la FVG 6 “Tagliamento” e la FVG 8 “Carnica”).

Purtroppo neppure la FVG 1, tratto italiano della famosa e pluripremiata Salisburgo – Grado, può dirsi terminata ed anzi proprio nel tratto gemonese vede le sue maggiori carenze; a questa ciclovia e alle sue possibili ricadute anche economiche i Circoli legambiente della Carnia e del gemonese hanno dedicato nel corso del 2016 una specifica conferenza che si è tenuta ad Ospedaletto nel mese di aprile

Quest’anno i medesimi circoli Legambiente insieme alla Fiab di Udine vogliono allargare lo sguardo alle altre ciclovie mancanti per delinearne possibili ipotesi di realizzo ed invitano pertanto alla conferenza che si terrà a Venzone (Borgo dei borghi 2017) sabato 10 giugno dalle ore 10.00 alle ore 12.30 presso il palazzo Orgnani-Martina.

Nel corso dell’incontro si metteranno a confronto i rappresentanti delle istituzioni direttamente coinvolte (e quindi per la Regione l’assessore Mariagrazia Santoro e per le UTI gemonese e carnica i relativi presidenti Aldo Daici e Francesco Brollo) con i rappresentanti delle associazioni coinvolte (Legambiente e Fiab) per fare il punto della situazione delle opere realizzate e di quelle realizzabili.

Partendo dalla recente inaugurazione del tratto Resiutta-Moggio verranno esaminati tra gli altri i progetti di completamento per arrivare a Carnia prima e quindi a Venzone, verranno discusse le proposte di riutilizzo dei sedimi ferroviari dismessi (come il tratto Gemona – Artegna) oppure solo sospesi (come il tratto Carnia – Tolmezzo), si valuteranno i possibili itinerari per la FVG 3 Pedemontana che dovrà accompagnare la prossima riapertura della ferrovia Gemona-Sacile e si esamineranno le criticità ancora presenti per uno sviluppo anche turistico della mobilità ciclistica.

Tema specifico della seconda parte della conferenza, introdotta dalla relazione del presidente del circolo Sandro Di Bernardo, sarà quello di esaminare possibili approcci e collegamenti ai principali siti di interesse naturalistico presenti nel territorio attraverso i percorsi delle delineande ciclovie.

Verranno quindi portate le specifiche esperienze sul tema della mobilità ciclistica del Parco delle Prealpi Giulie attraverso il suo direttore Stefano Santi e verrà illustrata dal presidente dell’associazione Valle del Cormor Ilaria De Marchi il tentativo in atto di rivitalizzare e promuovere il percorso naturalistico Ippovia del Cormor da parte dei volontari stessi.

Infine una stimolante, concreta e suggestiva proposta di realizzare una ciclovia del Tagliamento che in sponda sinistra renda fruibile il grande fiume alpino, verrà presentata dall’architetto Edo Piantadosi.

Share Button

Comments are closed.