18/08/2022

Un momento di commozione corale ai funerali della coordinatrice volontaria di Protezione civile Elena Lo Duca, nel duomo di Cividale, perita a causa della caduta di un albero durante le operazioni di bonifica per un incendio scoppiato nella zona di Prepotto. Una grande folla si sè raccolta per l’ultimo saluto, assiepando l’interno della chiesa e l’esterno.

Il feretro avvolto nella bandiera tricolore, il casco in dotazione ai volontari della Protezione civile e il berretto della polizia ad accompagnarla nel suo ultimo viaggio.

Un silenzio surreale rotto da un lungo applauso all’arrivo della bara e dall’attenti dato al picchetto d’onore composto dai colleghi della polizia e dagli amici volontari della Protezione civile.

Presenti alle esequie il governatore del Fvg Massimiliano Fedriga e la sua Giunta, il presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin e molti rappresentanti dell’Assemblea legislativa, il vicecapo del Dipartimento della Protezione civile nazionale, Immacolata Postiglione, il vicecapo della Polizia, Vittorio Rizzi, il prefetto di Udine, Massimo Marchesiello, il questore di Udine e i colleghi delle altre province, molti sindaci della regione con le loro fasce tricolori, rappresentanti delle varie forze di polizia e infine tantissimi volontari di Protezione civile provenienti da tutto il Friuli Venezia Giulia.

“Essere sempre noi stessi, anteponendo l’interesse comune a quello personale. E’ questo – ha detto Piero Mauro Zanin – l’insegnamento che Elena Lo Duca ci lascia in eredità e che dobbiamo coltivare con umiltà, traendo spunto dalla sua forza, dal suo impegno, dal suo entusiasmo in un mondo che purtroppo non finisce mai di stupire per la sua crudeltà”.

“Grazie alla forza e all’impegno di Elena e dei tanti volontari di Protezione civile che, come lei, si sono messi a disposizione degli altri – ha commentato il governatore Fedriga – siamo considerati un esempio a livello internazionale per quanto possiamo garantire al nostro territorio e alla nostra comunità”.

“Volontariato – ha proseguito il presidente della Giunta regionale – che qui in Friuli Venezia Giulia viene vissuto come una missione e non come un passatempo, come un dovere nei confronti delle persone che necessitano di aiuto”.

“Accanto al dolore per la scomparsa di una persona che nella sua vita ha saputo distinguersi per generosità e attenzione nel portare il suo aiuto dove serviva, rimarrà il ricordo e l’esempio che Elena Lo Duca ha lasciato a tutti noi. Tutto il gruppo del Pd si stringe in questo momento tragico accanto alla sua famiglia”.

Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale Franco Iacop (Pd), presente a Cividale del Friuli ai funerali. “Lo straordinario sforzo che volontari e professionisti stanno compiendo in questi giorni per domare gli incendi che hanno colpito la nostra regione e continuano a imperversare nel Carso isontino è qualcosa di impagabile e profondamente prezioso. Persone come Elena Lo Duca ci riempiono d’orgoglio, ma pensare a tragedie come queste fa raggelare”, conclude Iacop.

Tra i vari interventi, particolarmente commoventi le testimonianze d’affetto espresse dal sindaco di Prepotto, Mariaclara Forti, e da Elisa Grosso, volontaria di Protezione civile del distretto Val Natisone, che hanno provocato applausi e lacrime per Elena e per tutto ciò che rappresentava.

Share Button

Comments are closed.