14/05/2024

Tanti attori per una citta’ accogliente e familiare e un Natale ricchissimo di eventi e di nuova energia creativa.
Un Natale denso di proposte quello offerto dall’Amministrazione Comunale di Monfalcone (Assessorato alla Cultura, Marketing territoriale e Commercio) e Ascom Monfalcone e Mandamento, grazie al prezioso sostegno di A2A S.p.A. e della Camera di Commercio di Gorizia.
Un popolatissimo Villaggio di Natale anima Piazza della Repubblica con il mercatino dell’artigianato e dell’enogastronomia, mentre la città è affollata di spettacoli per bambini e concerti (tutti scelti dal miglior panorama regionale) nelle vie del centro per tutto il mese di dicembre. Non mancano le mostre, gli spettacoli teatrali, il Presepio in piazza e tanto altro ancora, tutto realizzato anche grazie alla collaborazione di Onde Mediterranee e VivaCentro.

Un mese di dicembre molto intenso quello che si prospetta nella città di Monfalcone, dove una vivacissima Aria di Natale ha già cominciato a farsi sentire, ed entrerà nel vivo delle sue attività sin da mercoledì 5 dicembre, con la tradizionale Fiera di San Nicolò che investe, come ogni anno, l’intero centro cittadino ed è arricchita dall’accensione dell’albero di Natale in piazza.
Oltre all’apertura straordinaria dei negozi (disponibili agli acquisti ogni giorno fino a Natale, domeniche e lunedì compresi), la città offre il tradizionale Villaggio di Natale, ospitato in piazza della Repubblica: ben 18 le casette che presentano alcune attività di aziende agricole, diversi punti di ristoro con cucina etnica e territoriale e moltissime proposte di prodotti artigianali di ogni genere ed uso.
Anche l’arte figurativa è al centro di tutta la stagione natalizia, ed è protagonista di uno dei primi appuntamenti che già venerdì 7 dicembre, alle 19, nella galleria di Borgo Rosta (via IX giugno) inaugura con una piccola cerimonia un importante percorso che vede la città vestirsi di dipinti, graffiti, disegni e ogni genere d’arte figurativa. Si tratta del progetto Le vie dell’Arte, che deve la cura artistica a Livio Comisso e che verrà presentato alla cittadinanza in Borgo Rosta dall’Amministrazione Comunale, da Ascom e VivaCentro che l’hanno fortemente voluto.
Ma è aperta anche la mostra Memoria Fotografica. Cantiere Navale Triestino, Monfalcone, al Centro Visite di via Pisani, un percorso della memoria storica attraverso oltre ottanta fotografie degli anni Venti; e – alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea – sarà possibile visitare dal 15 dicembre MOREisnotLESS. Segni e segnali contemporanei, mostra dedicata all’arte grafica declinata attraverso il fumetto, il video, le performance, la musica, il live painting.
La musica, l’animazione e lo spettacolo sono ulteriori leit-motiv del Natale monfalconese e qualità e fantasia sono alla base delle scelte coordinate da Onde Mediterranee, cui Ascom ha affidato la cura artistica e tecnica.
Le strade del centro suoneranno quotidianamente, nelle più diverse location (via Sant’Ambrogio, Corso del Popolo, via Roma, piazza della Repubblica, piazza Cavour, via IX Giugno). Ad animarle le cover blues, pop, rock proposte in acustico dal Trio 4B (Giuliano Velliscig, voce e percussioni; Alessio Velliscig, voce e chitarra; Giovanni Bresil, chitarra); il gipsy jazz – quell’affascinante musica contaminata dal jazz americano e le sonorità dei nomadi manouche – di un ensemble d’alto livello come il Montréal Gypsy Project (Gabriel Campeau Gagnon, chitarra; Matteo Sgobino, voce e chitarra; Alessandro Turchet: contrabbasso). E ancora l’appassionato flamenco della chitarra di Michele Pucci, le cui musiche sono commentate dai passi di una danzatrice flamenquera e il Soul Circus Gospel Choir, gruppo ronchese diretto da Massimo Devitor che da dieci anni si dedica con intelligenza e spirito innovativo alla più antica delle black music. E poi Michele Pirona e Alain Fantini che con due chitarre acustiche riescono a riprodurre la magia delle più famose colonne sonore di tutti i tempi (Guitar Soundtracks) e l’attesissima performance proposta da CAM Arte & Musica, consolidato punto di riferimento cittadino per i musicisti, non solo come scuola ma anche come fucina di iniziative e laboratori di livello internazionale. E ancora il caldo sound del Chiara Di Gleria Trio che con nuova energia ripropone classici natalizi, soul e blues e l’intervento dei cori dei ragazzi del Gruppo Vocale Overtwelve e del Liceo Buonarroti, insieme guidati da Francesca Moretti. L’anima swing e sensuale del jazz è affidata al Cojaniz – Del Ponte duo (tastiera e basso) mentre la nostalgia esotica e distesa dei ritmi brasiliani sono rappresentati dal Bossa Duo (Sergio Giangaspero, chitarra; Goran Moskowski, percussioni). Il groove dell’Humpty Duo (Luca Dal Sacco, chitarra; Matteo Mosolo, contrabbasso) lascia trasparire tutta l’energia improvvisativa dei due giovani musicisti (proposti nel corso della mostra MOREisnotLESS), mentre zampognari e suonatori di cornamuse in costumi tradizionali conferiranno  alle vie del centro l’atmosfera pastorale dei paesaggi più popolari.
Due i concerti dedicati alla musica classica che, nella chiesa della B.V. Marcelliana, sono proposti da diverse associazioni locali e propongono pagine sacre, incentrate sulla voce cantata.
Punta di diamante del palinsesto artistico natalizio è sicuramente lo straordinario spettacolo di danza verticale della compagnia “Il posto” di Venezia, che vedrà volteggiare delle danzatrici sul campanile di via Sant’Ambrogio, sostenute dal commento musicale live (sax ed elettronica) di Marco Castelli e le coreografie di Wanda Moretti. Atto bianco, questo il titolo dello spettacolo, si ispira al tema dell’arca e dello spostamento come reinterpretazione dello spazio corporeo. Estasi e leggerezza cullano i movimenti delle danzatrici, mentre la coreografia e la musica ridefiniscono e alterano la percezione del campanile che troverà, nell’immaginario, un nuovo movimento sotto una prospettiva mai vista.
Anche i bambini, tradizionalmente protagonisti delle emozioni più grandi delle feste, sono tra i destinatari delle proposte di Aria di Natale: nell’ambito della rassegna Piccolipalchi al Teatro Comunale va in scena L’acqua invisibile, dedicato ai bambini dai 6 anni in su, incentrato sul rispetto per l’ambiente e la sostenibilità. Uno spettacolo di burattini (Un diavolo cerca famiglia di Michele Polo), un laboratorio con la carta per bambini tra i 5 e i 10 anni (dell’Associazione Culturale 0432) e un pomeriggio di letture (dalle Fiabe Italiane di Italo Calvino, sempre con Michele Polo) sono invece le attività – di comprovato livello –
proposte da Onde Mediterranee su suggerimento del progetto teatroescuola dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia. E per i più piccoli è previsto anche il mercatino benefico predisposto da Pro Loco insieme al Circolo Culturale Il Trullo, la Banda Civica e i Clown dottori del GAU. Al più grande divertimento penserà, infine,  l’immancabile e imprevedibile teatro da strada fatto dai mangiafuoco e giocolieri dell’Associazione Furclap.
E l’Amministrazione offre ancora, grazie all’attività della Biblioteca Comunale, il mercatino del libro usato ad offerta libera (Biblioteca in piazza) e il Concerton, al Teatro Comunale, che riunisce le esibizioni delle associazioni cittadine sotto la direzione della Banda Civica.
Grande finale con il Capodanno curato dalla Pro Loco che vede al centro della serata Ivan Cattaneo, un’icona musicale che con Italian Graffiati ha fatto ballare e cantare l’intera nazione per anni, rispolverando con ironia e gusto il passato sound degli anni Sessanta. Prima di lui una serata di ballo con l’Orchestra Fantasy e a seguire, fino a tarda notte, la performance del DJ Stefano Munari.

Le Vie dell’Arte. La città si apre alla pittura, al disegno, alle arti figurative e … si veste di nuovo
Verrà inaugurato venerdì 7 dicembre, alle 19, nella galleria di Borgo Rosta di via IX Giugno il progetto
Le Vie dell’Arte, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale, da Ascom Monfalcone e Mandamento e dal Consorzio VivaCentro, per la cura artistica di Livio Comisso.
Non è semplicemente un progetto circoscritto alle festività natalizie, quello de Le Vie dell’Arte, ma una concreta dichiarazione di intenti, una scelta estetica e, assieme, di sostanza che vuole restituire alla città di Monfalcone quella vivacità, quell’amore per la creatività, per la bellezza, per la condivisione con le quali ha sempre accolto le innovazioni e i cambiamenti.
L’idea di arredare tutti i negozi attualmente sfitti con rassegne artistiche di autori locali (piccole mostre monografiche o collettive) ha un significato profondo, che trascende la semplice scelta delle opere. Da qui alla prossima primavera saranno decine le vetrine allestite con opere dei nostri artisti. Un segnale di ottimismo e vivacità nei confronti delle difficili contingenze e un invito a godere del bello, a riflettere sulla necessità di comunicare e di scambiarsi emozioni schiette e istintive attraverso le opere d’arte.
L’iniziativa parte proprio da Borgo Rosta, dove una collettiva di una ventina di quadri (Altieri, de Lutti, Grosso, Girotto, Poian, Pagotto, Dot ed altri) riempirà la vetrina che si affaccia sulla galleria di via XI Giugno. Alla presenza dell’Assessore alla Cultura, Promozione territoriale e Commercio, prof. Paola Benes, i curatori del progetto racconteranno, durante la cerimonia inaugurale di venerdì 7 dicembre (ore 19) del work in progress de Le Vie dell’arte che trasformerà la città in una “galleria a cielo aperto”.
Già nel corso delle settimane precedenti il Natale i curatori contano di allestire, oltre a Borgo Rosta, anche una location sfitta di via Rosselli (mostra monografica di Fulvio Dot), una della Galleria Gran Pavese (opere di Grosso e Pagotto) e una in Passo del Torrione, con le opere di Fornarelli e Azzan.

Evento nell’evento è poi la mostra 84–87. NuovaMente che inaugura alla Galleria Antiche Mura di Via Rosselli il 27 dicembre e ospita cinque giovani disegnatori (Babich, Nolli, Racozzi, Perra, Giuliano) nati tra il 1984 e il 1987, come cita il titolo. Gli artisti saranno anche autori di un live painting che andrà a decorare dei grandi pannelli che verranno fissati sulle transenne antistanti l’edificio del Municipio in piazza della Repubblica. Graffiti e disegni in diretta, per godere l’arte dal vivo e premiare insieme i giovani talenti e la città.
Un’altra interessante prospettiva del progetto è di allargarsi alla musica e ospitare laboratori musicali, sessioni d’ascolto, lezioni di prova, sperimentazioni didattiche nelle location già occupate, affidandone la cura a Cam Arte & Musica di Monfalcone, che, confermandosi un punto d’eccellenza per i giovani musicisti, potrà offrire nuove strategie di avvicinamento alla musica.
Insieme a tutti coloro che hanno collaborato e stanno collaborando a vario titolo perché Le Vie dell’Arte continui il suo percorso,  ricordiamo che alcuni lungimiranti esercenti hanno già in atto l’idea di condividere i propri spazi con le espressioni artistiche. Proprio in questi giorni, infatti, Tutto per il bambino (piazza della Repubblica) ospita una mostra di Bressanutti, mentre il ristorante Alla Rocca, anch’esso in piazza della Repubblica, ha esposto alle pareti delle opere di Tomasin. Anche il Caffè Carducci di via Duca d’Aosta che da anni promuove nel suo spazio l’arte del territorio, in dicembre ospita le opere di Valentinuz.

Share Button

Comments are closed.