16/05/2024

Nel corso dei lavori relativi  all’Assestamento del Bilancio regionale, su proposta del Consigliere regionale Diego Moretti, è stato  approvato all’unanimità un emendamento che stanzia ulteriori 20.000 annui a favore di AICCRE FVG per premiare progettualità di  gemellaggio tra i   Comuni del Friuli Venezia Giulia e analoghi Enti locali degli Stati membri dell’Unione Europea e di Stati in pre- Adesione.

“L’approvazione dell’emendamento all’unanimità da parte del Consiglio regionale- sottolinea il Presidente di AICCRE FVG Franco  Brussa – evidenzia, da un lato l’attenzione della Regione verso un’attività, i gemellaggi appunto, che rappresentano un modo concreto e sentito di costruire dal basso quell’Europa dei popoli che tutti auspichiamo e, dall’altro, la bontà dell’azione posta  in essere da AICCRE FVG in questo anni che, attraverso specifici Bandi annuali, sostiene in maniera significativa i progetti dei Comuni che vanno in questa direzione”.

L’intervento regionale consentirà di scorrere la lista dei comuni meritevoli che hanno partecipato il bando Aiccre dedicato alla  progettualità di gemellaggio come ci spiega il presidente dell’AICCRE FVG , Franco Brussa ( ascolta il podcast audio)

Era stato lo stesso Brussa a rivolgersi qualche settimana fa direttamente al presidente Fedriga, evidenziandogli come a fronte  dell’ultimo Bando gemellaggi 2023, con le poche risorse a disposizione, si erano potuti premiare solamente 8 progetti dei Comuni sui 23 progetti presentati, rimanendo quindi esclusi più del 60% dei partecipanti.

 I gemellaggi tra enti locali, in questo caso i comuni del Friuli Venezia Giulia, e simili soggetti istituzionali esteri  sono un  fondamenetale esercizio di coesione internazionale dal basso ma non vanno visti solamente come momenti periodici di canonico  interscambio  folkloristico e culturale  tra strette di mano, bande musicali e mostre d’arte, pur essendo questi aspetti molto  importanti. Il gemellaggio può essere molto di più come precisa Franco Brussa…( ascolta il podcast audio)

Ma del gemellaggio inteso come opportunità più estesa e capace di intercettare risorse per lo sviluppo locale in un contesto di  reciprocità tra soggetti, gli amministratori locali sono coscienti? ( ascolta la risposta di Franco Brussa nel podcast)

Share Button

Comments are closed.

Open