15/06/2024

Si conclude il programma di celebrazioni per i 40 anni del Comitato regionale delle Pro Loco del Friuli Venezia Giulia. Dopo l’evento inaugurale a Gemona, svoltosi in concomitanza con i 120 anni della Pro loco cittadina, il prossimo appuntamento sarà venerdì 17 novembre alle 18.15 nella sala teatrale Madrassi di Udine. Qui verrà presentato il volume “Volontari perché – Quarant’anni di impegno e passione”, pubblicazione che oltre a raccontare la storia del Comitato vuole anche aprire una finestra su presente e futuro del mondo delle Pro Loco. Cuore del volume le fotografie in bianco e nero che ritraggono volti e mani dei volontari delle Pro Loco regionali, unite ai resoconti delle presidenze succedutesi (Luciano Vale, Franco Molinari, Flavio Barbina e Valter Pezzarini) e ai loghi di tutte le Pro Loco regionali.

La pubblicazione sarà presentata alla presenza del presidente del Comitato regionale UNPLI Valter Pezzarini, del presidente del Consiglio regionale Mauro Bordin, del vicesindaco del Comune di Udine Alessandro Venanzi, del consigliere della Fondazione Friuli Francesca Venuto e di una rappresentanza della Banca 360 FVG. Sul palco illustreranno il progetto – che hanno realizzato supportati nel lavoro dalla Segreteria del Comitato regionale – la grafica Silvia Toneatto, il fotografo Elia Falaschi e Davide Francescutti che ha curato i testi.

Il libro gode del patrocinio della Presidenza del Consiglio regionale ed è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Friuli, Io sono Friuli Venezia Giulia, UNPLI e Servizio civile universale. Il tutto con il contributo della Banca 360 FVG. Stampa Tipografia Menini.

“Il mondo del volontariato qui in Friuli Venezia Giulia è molto cambiato nei quarant’anni di vita del Comitato regionale – spiega il presidente Valter Pezzarini -. All’epoca ci si impegnava grazie alla “forza delle braccia”: montare chioschi, cucinare e andare a servire ai tavoli. Oggi questo servizio è ancora fondamentale, ma nel contempo sono cresciute tutta una serie di competenze ora necessarie ancora prima che un evento venga allestito. Dalla parte burocratica alla comunicazione, fino a quello che è uno dei più grandi cambiamenti di questi anni: il saper proporre sagre ed eventi ancorati alla tradizione ma allo stesso tempo capaci di offrire qualcosa di nuovo e moderno. Per questo nel libro abbiamo voluto raccontare il nostro passato, analizzare il nostro presente e guardare al nostro futuro”.

CREDIT FOTO DI COPERTINA

foto Elia Falaschi UNPLI 40 Mani

Share Button

Comments are closed.