10/06/2024

Pordenone, – “Viva Galvani!” non è solo l’identità di una città, ma la storia di un Paese,  dell’arte, dell’artigianalità, dell’imprenditoria e della passione del “saper fare”, quella che  prenderà corpo nella prima grande mostra delle ceramiche del galletto, a Palazzo  Ricchieri dal 14 aprile all’11 giugno prossimi ad ingresso libero.

L’inaugurazione della mostra sarà venerdì 14 aprile alle ore 18:00, nella sede del Museo  d’Arte.

La collezione Galvani fu acquistata dal Comune di Pordenone nel 1984 dopo che la  Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia la vincolò per  impedirne la dispersione, poiché la fabbrica aveva da pochi anni chiuso definitivamente i  battenti. L’intera raccolta, conservata presso i Civici Musei, è costituita nel complesso da  più di diciassettemila oggetti, tra cui oltre duemilacinquecento esemplari in ceramica  realizzati tra la seconda metà del XIX secolo e la fine degli anni Settanta del ‘900, alcuni  dei quali sono prove di fabbrica, pezzi unici (per dimensioni o decorazione) prodotti in  speciali occasioni, modelli o prototipi.

La mostra punta al racconto meno noto della produzione artistica attraverso tre sale  “tematiche”: i vasi, esposti anche alla Biennale di Venezia nel 1942, colpiscono per la  sorprendente modernità delle forme e dei colori; “A tavola con Galvani” scandisce  l’intima quotidianità delle famiglie che in tutta Italia usavano le terraglie marchiate dal  galletto e portavano nelle loro case il nome di Pordenone, ora esposte a fianco a  prototipi mai entrati in prodizione; il “Galvani d’autore” testimonia il grande successo e  l’interesse che le ceramiche suscitarono in artisti internazionali e designer famosi, che  hanno voluto apporre la loro firma creando opere di una bellezza e contemporaneità  sconvolgenti tali da renderle vere e proprie opere d’arte.

 Si dà per certo, ad esempio, la realizzazione di un servizio completo a firma di Giacomo  Balla, oltre a manufatti di Angelo Simonetto, Ruffo Giuntini e del grafico pubblicitario  Leo Leoncini.

Una mostra che parla del periodo d’oro di Pordenone, dei grandi capitani d’azienda,  degli sconvolgimenti sociali che hanno attraversato l’Italia di quegli anni ma anche della  storia di grandi firme del design e dell’arte che si sono ispirati ed innamorati di essi e  della nascente comunicazione pubblicitaria degli anni ’50.

La “Galvani” è stata una delle più importanti fabbriche di ceramica italiane dell’Ottocento  e del Novecento e la sua presenza è radicata profondamente nella memoria collettiva e  nei ricordi affettivi di molti pordenonesi. Più di un secolo e mezzo di produzione si  traduce in migliaia di manufatti ceramici, destinati agli usi più vari, che rispecchiano mode, stili e gusti estetici di periodi socio-economici differenti tra loro, documentando  pensiero, creatività e operosità di centinaia di persone. 

Si tratta dunque di un patrimonio enorme, formato anche da bozzetti e studi, insieme  ad un corpus di “fogli di campionario” che sostituivano –al tempo- le fotografie. Opere  d’arte anch’esse, schizzi e appunti per immagini senza firma ma che da soli sono quadri  di design ed avanguardia.

Migliaia di pezzi conservati nei nostri Musei civici, ora catalogati e riscoperti grazie al  forte interesse del Comune e dell’assessorato alla Cultura affinché vengano “restituiti” ai  Pordenonesi attraverso la prima di una serie di mostre a rotazione che restituiscano  dignità e centralità al patrimonio di creatività finora nascosto.

«Il patrimonio museale italiano è così ricco che buona parte rimane nei depositi,  nascosto alla vista e alla fruizione dei cittadini –sottolinea Alberto Parigi, assessore alla  Cultura del Comune di Pordenone-. Per tale motivo, l’assessorato alla Cultura del  Comune di Pordenone ha tra i pilastri della sua azione quello di rimettere in mostra, nel  vero senso della parola, le ricchezze conservate nei magazzini del proprio museo civico.

“Viva Galvani!” è parte di questa politica.

Un’operazione di riscoperta che si inserisce nel movimento di rinnovamento che i Musei  civici di Pordenone stanno attraversando con il ricco programma di visite guidate che li  animano, con il nuovo appalto di custodia sottoscritto dall’Amministrazione, che  aumenterà gli orari di apertura, rendendoli flessibili e adattabili ai molti eventi della città  ma anche con la lungimiranza del predisporre nuovi spazi espositivi dedicati ai giovani,  come ad esempio Palazzo Gregoris che, grazie alla disponibilità della SOMSI, sarà  palcoscenico per giovani artisti, fotografi, grafici.

E “Viva Galvani!” strizza l’occhio proprio alle nuove generazioni, perché possano leggere,  nel passato delle loro radici, la grande modernità artistica e culturale che ancora scorre  nelle vene della città.

«Una mostra di portata eccezionale che incorona Pordenone come capitale dell’arte –  conclude con orgoglio l’assessore Parigi- e la premia per la sua storica vocazione  all’artigianato, all’imprenditoria ma anche all’avanguardia e al futuro, che sono lo spirito  stesso di questa terra.

 La nostra Amministrazione dimostra di credere nel potenziale della cultura che  Pordenone racchiude e di voler investire sulla ricerca e sullo studio per incrementarne il  grande patrimonio ancora sconosciuto». 

Share Button

Comments are closed.

Open