18/08/2022

Una testimonianza di come pubblico e privato possano collaborare su iniziative che abbiano ricadute positive nel turismo. Questo in sintesi l’intervento del Governatore del Friuli Venezia Giulia, intervenuto qualche giorno fa all’inaugurazione del nuovo passo barca tra Lignano e la sponda opposta di Bibione.

L’interveto del governatore Massimliano Fedriga a Lignano in occasione dell’inaugurazion del nuovo punto barca

Il collegamento, che si deve ad una cordata di privati, alla quale partecipano anche la SAF e la Regione Friuli Venezia Giulia,  permette di connettere i comuni di San Michele al Tagliamento e Lignano attraverso l’utilizzo di una imbarcazione in grado di trasportare 25 persone e altrettante biciclette.

  L’attività ha fatto registrare nella scorsa stagione circa 50 mila utenti. Con il 2019 è stato modificato il punto di approdo, incrementato l’orario del servizio e realizzata una struttura per la vendita dei biglietti, il noleggio e la riparazione delle biciclette.

Il taglio del nastro del punto barca di Lignano alla presenza del governatore Massimiliano Fedriga

Alla presenza del sindaco di Lignano Luca Fanotto, di quello di San Michele al Tagliamento Pasqualino Codognotto, del presidente del consorzio Marina Uno Giorgio Ardito, del presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin e degli assessore Graziano Pizzimenti e Barbara Zilli, il governatore Fedriga ha posto in evidenza la necessità di proseguire lungo il percorso che vede le amministrazioni regionali del Friuli Venezia Giulia e del Veneto lavorare insieme per la promozione dell’Alto Adriatico. “Lavorare insieme per l’Alto adriatico ci consente di fare massa critica per penetrare in mercati molto interessanti con ripercussioni positive sotto il profilo turistico ma anche occupazionale”.

L’imbarcazione che svolge il servizio tra le sponde di Lignano e Bibione
Share Button

Comments are closed.