17/05/2024

Il Nucleo Ispettorato Carabinieri del Lavoro di Udine, con la collaborazione dei militari delle Compagnie CC di Udine e Palmanova, nell’ambito delle attività finalizzate a prevenire e reprimere i fenomeni dello sfruttamento del lavoro e di quello sommerso e a verificare il rispetto della normativa sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, ha svolto controlli nel settore dell’agricoltura, del commercio e officine meccaniche.

I controlli hanno consentito di individuare inadempienze in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro quali l’omessa formazione dei lavoratori, l’omessa visita periodica di idoneità a lavoro, la mancata nomina del medico competente, la mancanza del documento di valutazione dei rischi, omessa manutenzione dei presidi antincendio, omessa dotazione di presidi di pronto soccorso e la presenza di manodopera in nero.

Sono state controllate una ditta operante nel settore delle officine meccaniche, un’azienda agricola e una ditta del settore commercio individuate a seguito di attività info-operativa Sono stati 14 i lavoratori controllati. Sono state sospese le attività di un’azienda agricola sia per gravi violazioni sulla sicurezza che per lavoro nero e di un esercizio commerciale per la presenza di lavoratori in nero. Complessivamente sono state irrogate sanzioni per circa 70.000 euro.

Nel dettaglio sono stare irrogate sanzioni per 28.100,00 euro ad un’azienda agricola.

in località Chiopris-Viscone a seguito dell’individuazione di un lavoratore in nero durante le operazioni di raccolta delle mele. Sono anche state riscontrate violazioni riguardanti l’omessa formazione dei lavoratori , la mancata redazione del documento di valutazione dei rischi e la sorveglianza sanitaria per i dipendenti. E’ stata disposta la sospensione dell’attività imprenditoriale per lavoro nero e gravi violazioni sulla sicurezza.

Sanzioni per 17.400,00 euro sono state irrogate ad un esercizio commerciale situato a Codroipo all’interno del quale è stata riscontrata la presenza di un lavoratore, in qualità di addetto alla vendita, in nero. Sono state riscontrate violazioni riguardanti l’omessa formazione dei lavoratori, la manutenzione periodica dei presidi antincendio e la mancanza presidi di primo soccorso. E’ stata disposta la sospensione dell’attività imprenditoriale per lavoro nero.

Sanzioni per 24.500 euro dovrà pagare una officina meccanica situata a Tavagnacco (UD), dove i carabinieri hanno riscontrato e violazioni riguardanti la mancata nomina del medico competente, l’omessa formazione dei lavoratori e la sorveglianza sanitaria per i dipendenti, la manutenzione periodica dei presidi antincendio.

Share Button

Comments are closed.

Open