12/06/2024

Cosa significa essere amministratrici di condominio, in un momento storico come questo? Che valore ha una professione che entra nell’intimo di ogni famiglia, visto che almeno il 60% degli italiani abita in condominio? A dire il vero poco, quanto meno per chi le Leggi le scrive.

Quorum Rosa parla di questo. Vuole essere disturbante, come il tacco rosa esposto con sfacciataggine, nella lotta agli stereotipi, in un mondo che ancora non sa guardare oltre all’immediato del proprio giudizio e benessere. 

Parla di una professione che ha in sé una tale quantità di competenze da non aver timore di alcun confronto. Della difficoltà di svolgerla, poiché difficilmente è riconosciuta come tale.

Parla di un mondo, quello delle persone, che è di una bellezza straordinaria, così unico e multiforme, così ricco di emotività e sentimenti, così fluido e volubile, tanto da trasformare talvolta quei sentimenti in aggressività.

Parla di professioniste che ogni giorno percorrono le strade del nostro Paese, risolvendo problemi, ascoltando storie, affrontando paure, rendendosi disponibili a diventare punti di riferimento per tutti coloro che vivono nelle case da loro amministrate.

Ciò che più conta è che Quorum Rosa vuole essere un movimento con una visione sul futuro, per una riqualificazione normativa della professione e per uno sviluppo della collaborazione tra tutte le diverse sfaccettature dei professionisti che ne fanno parte.

Perché è con il lavoro di gruppo che si può crescere.

Quorum Rosa chiede che le normative siano chiare e giuste, a tutela dei consumatori e dei professionisti che gravitano attorno al mondo del condominio.

Siamo di fronte a una società che sta franando verso la povertà, abbiamo di fronte a noi mesi, o più realisticamente anni, appesantiti da una condizione economica che rischia di deflagrare lasciando dietro di sé solo macerie.

Abbiamo il peso di costi energetici insostenibili, le attività commerciali, artigianali, industriali dovranno fermarsi. E con esse anche le possibilità di lavoro.

Come faremo ad affrontare il futuro?

Questo e molto altro lo analizzeremo nell’incontro promosso assieme alla Commissione per le Pari Opportunità della Regione Friuli Venezia Giulia, che si terrà a Udine venerdì 7 ottobre alle 17.00, presso la sede Regionale di via Sabbadini 31, in sala Pasolini.

Ci confronteremo in un dialogo costruttivo assieme a Dusy Marcolin, Presidente della CPO, e a Ester Soramel, Presidente del Comitato Pari Rappresentanza 50 e 50.

Parleremo di cosa significa essere una donna professionista in un mondo che continua a prosperare sulle differenze di genere.

Share Button

Comments are closed.