30/11/2022

Sono sempre più intensi i rapporti tra Trentino e la provincia cinese Sichuan. Suggellati da relazioni bilaterali istituzionali crescenti che recentemente hanno visto una nuova tappa con l’arrivo a Trento di una delegazione del Foreign Affairs Office capeggiata da Wen Su, nuovo direttore responsabile per l’Europa della Provincia del Sichuan e che include la presenza del direttore del Sichuan Talent Programme, l’imponente programma governativo a supporto dello scambio e attrazione di talenti tecnologici.
Al centro degli incontri con l’assessore all’agricoltura, turismo e promozione della Provincia Michele Dallapiccola, il rinnovo del gemellaggio tra le due Province e la definizione di un programma biennale di azioni volte a supportare i rapporti economico-imprenditoriali, scientifico tecnologici e turistici e gli scambi culturali. Ed a proposito di gemellaggi, tra Sichuan e Trentino potrebbe nascere anche quello ispirato ai rispettivi simboli naturali del Panda e dell’Orso bruno: “Voi avete salvato il primo – ha ricordato Dallapiccola a Wen Su -, noi il secondo, un buon motivo per farne un’opportunità di reciproca promozione territoriale”.
Del resto è sempre più solida la crescita della grande Provincia cinese che ha ospitato nell’ottobre scorso a Chengdu il G20 e che con i suoi 90 milioni di abitanti rappresenta un nodo strategico tra la Cina e il Sud dell’Asia. Il Sichuan ha registrato i tassi di crescita più elevati tra le diverse aree geografiche del subcontinente cinese, investendo molto sull’innovazione e su uno sviluppo sostenibile. Settori di punta sono l’information technology, la meccanica e l’agricoltura moderna, la metallurgia, l’energia rinnovabile e il green building. Settori in cui il Trentino può vantare importanti risultati e che possono essere oggetto di collaborazioni future fra i due territori. Particolarmente significativo che il nuovo responsabile del governo provinciale abbia scelto l’Italia e il Trentino per la sua visita di accreditamento.
Sono già diverse le collaborazioni tecnologiche e commerciali siglate da imprese trentine con i partner cinesi. Particolare rilievo assume in questa cornice la joint venture per la produzione per il mercato cinese di una tecnologia trentina legata all’edilizia sostenibile, nonché le commesse commerciali da aziende trentine nello stesso settore. Accanto alle green tech, i settori sui quali programmare azioni bilaterali con incoming imprenditoriali e partecipazioni a fiere sono quelli dell’agroalimentare e dell’agricoltura avanzata, delle ICT e della meccanica-meccatronica.

Share Button

Comments are closed.