20/02/2024

Con poco più di sessantamila abitanti, la città di Villach, bagnata dalla Drava, e quindi da secoli importante città di confine geografico e per questo  riconosciuta sede di mercato fin dal 1060, luogo di  scambio di merci e culture, mantiene fede al suo ruolo per la Carinzia e l’Austria, grazie alle fiorenti attività economiche, sociali, culturali. Tra queste spicca l’annuale Villacher Kirchtag,  giunta alla sua settantottesima edizione  che si svolgerà dal 30 luglio al 06 agosto.  Festa della diversità e della coesione ( così recita il claim sul sito ufficiale)  dai numeri esagerati sia come affluenza, con numeri da capogiro

(450 mila i visitatori anche da Italia e Slovenia) che per proposta, dall’intrattenimento in piazze e vie del centro storico con decine di gruppi musicali in abiti e strumenti tradizionali all’offerta gastronomica, basata sui piatti titpici carinziani innaffiati dalla Villacher bier,  birra simbolo della città, perchè lì si produce.  

Uno dei punti di forza della grande festa è il corteo del sabato con circa 3500 figuranti , vera parata dell’amicizia tra i popoli confinanti. Imponente anche il luna park che occupa un intero settore cittatino. La Villacher Kircktag è  un immancabile rito  collettivo,  è la festa di tutti cariniani e dei vicini di casa e non è, erroneamente, la festa della birra nonostante si alzino i boccali al cielo,  gesto utile anche  ad alzare gli occhi dai gustosi piatti verso i bei palazzi storici della città. 

Share Button

Comments are closed.