25/09/2022

Dopo il grande successo riscosso da “Blessound”, il festival musicale dedicato a ritmi e suoni non convenzionali, a Blessano di Basiliano entra nel vivo la quindicesima edizione del grande festival folcloristico “Danzando Tra i Popoli”, organizzato dal Gruppo Danzerini Udinesi e dalla Proloco ProBlessano, fra tradizione e modernità con ritmi e suoni del mondo, che quest’anno unirà alcuni paesi europei accomunati dal Mar Mediterraneo.

Da venerdì 4 a domenica 6 settembre il folclore friulano, rappresentato dal Gruppo Danzerini Udinesi, si fonderà con quello di Croazia, Spagna e Turchia. Attraverso le esibizioni che i danzerini eseguiranno sul palcoscenico nell’area festeggiamenti a Blessano di Basiliano, gli spettatori avranno la possibilità di cogliere le affinità e le differenze tra realtà artistiche e culturali che possono apparire molto simili considerando alcuni aspetti e nel contempo completamente diverse sotto altri punti di vista e allo stesso tempo verrà sottolineata l’importanza delle tradizioni, fatte di costumi, danze, musiche e piatti tipici.

“Danzando Tra i Popoli” prenderà ufficialmente il via nella serata di venerdì 4 settembre, alle ore 20:30, con un incontro dedicato al “Mare Nostrum”, alle sue storie, alle sue vicende, al suo destino di terra d’incontro e scontro tra genti, Stati e civiltà e con l’esibizione del gruppo folcloristico croato “KUD Ante Zaninovic” di Spalato, che proporrà delle vecchie danze di Spalato e dei balli originari dell’isola di Brac, accompagnate dall’orchestra di mandolini e dalla banda di tamburica.

La giornata di sabato 5 settembre sarà caratterizzata al mattino dalla sfilata dei gruppi lungo via Manzoni, in serata alle 20:30 con l’evento principale del festival, la spettacolare esibizione di tutti i gruppi folcloristici partecipanti, presentata dall’attore friulano Claudio Moretti.

La giornata conclusiva di domenica 6 settembre prenderà il via già al mattino con la Santa Messa e poi in serata si sposterà nell’area festeggiamenti per il gran finale: alle 18:30 ci sarà la presentazione tra musica e parole del libro “Turno di Notte” del cantautore e operatore sociale Marco Anzovino, che racconterà le sue notti da educatore sul fronte della tossicodipendenza, e alle 21:00 ci sarà il concerto de La Frontera, un ensemble di musicisti, che svolgendo un intenso studio delle tradizioni musicali del Mediterraneo, propone un ricco repertorio in continua evoluzione, attingendo da flamenco, musica araba classica, musica ottomana, andalusa e sefardita, impreziosendo con composizioni originali, il tutto in una miscea sonora unica e inconfondibile.

Share Button

Comments are closed.