20/05/2024

Gli artisti sono spesso distinguibili per il loro carattere estremo, le peculiarità della tecnica o addirittura per una continuità nei soggetti. O si tratta d’indole da timidi, chiusi, che esprimono i loro sentimenti quasi esclusivamente attraverso le loro opere, oppure veramente aperti, estroversi e magari accentratori dell’attenzione, altruisti ed empatici. Vedo Gianni Maran, con la sua affabile poliedricità, espansivo, capace di porsi in maniera immediata nello stato d’animo o nella situazione di un’altra persona, con intensa partecipazione emotiva.
Dopo aver donato un suo quadro tempo addietro all’associazione La Nostra Famiglia, non ha saputo frenare il desiderio di coinvolgere i giovani ospiti della struttura in un progetto importante. Non credo sia immaginabile per un artista la realizzazione di un’opera pittorica a più mani. Gianni Maran quindi ha messo a disposizione dei bambini le sue mani. Loro hanno realizzato alcuni disegni e lui ha creato l’enorme opera “Felicità Fluida”, riproducendoli su una tela che ora è esposta definitivamente in prossimità dell’ingresso. Dona allegria e gioia di vivere a tutti i passanti.
ernIMG_0086La Nostra Famiglia è un’associazione che gestisce il Centro di Riabilitazione di Pasian di Prato, un organismo sanitario che opera in convenzione e accreditamento nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale e Regionale. Sopperiscono alle mancanze e incapacità gestionali delle strutture pubbliche. Riconosciuto con Decreto Interministeriale del 1998 quale sede del Polo Regionale dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico “Eugenio Medea”.

Il Centro eroga prestazioni diagnostiche finalizzate al recupero e alla riabilitazione in forma diurna, ambulatoriale, domiciliare ed extramurale di bambini con disabilità. Assicura la personalizzazione dell’intervento per raggiungere il più alto livello possibile di autonomia funzionale del soggetto nel proprio ambiente familiare, scolastico, lavorativo e sociale. Operano specialisti competenti e appassionati: neuropsichiatri infantili, psichiatri, neurologi, fisiatri, ortopedici, oculisti, otorinolaringoiatri, psicologi, pedagogisti, bioingegneri, fisioterapisti, terapisti della neuro e psicomotricità in età evolutiva, terapisti occupazionali, terapisti della neurovisione, logopedisti, tecnici di neurofisiopatologia, infermieri professionali, educatori professionali, educatori, assistenti e accompagnatori disabili oltre agli istruttori di nuoto e gli assistenti sociali. Persone stupende e capaci che oltre a svolgere la loro professione, hanno sposato l’amore e i sorrisi per regalare gioia curativa.

Per le famiglie che hanno figli con problemi, si tratta di un luogo indispensabile, regala loro speranza, l’aiuto concreto e le cure necessarie con competenza e inarrestabile volontà di combattere le malattie con un grande sorriso, prendendosi cura dei bambini e delle loro famiglie. In verità si tratta di un’associazione con strutture in Lombardia (12 sedi), Veneto (8 sedi), Liguria (1 sede), Campania (1 sede), Puglia (4 sedi) e in Friuli Venezia Giulia (a Pasian di Prato, a San Vito al Tagliamento in provincia di Pordenone e una sede distaccata presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Udine, Padiglione Scolopi). Sono presenti anche all’estero in Ecuador, Sudan, Sud Sudan, Brasile e Cina.ernIMG_0122

La componente che traspare da tutto il personale impegnato all’interno è il grande amore profuso, componente essenziale unitamente alle terapie e ricambiato da tutti i piccoli pazienti che affrontano le loro sofferenze in un ambiente pregno di calore umano. Questo ha acceso la grande sensibilità anche di Gianni Maran che è riuscito a inaugurare la sua opera durante il carnevale, così il taglio del nastro è avvenuto a cura di Zorro con la collaborazione di Capitan America e Re Artù (spero di non sbagliare, ma comunque un nobile con la corona), coadiuvati da una piratessa un po’ cresciuta. Contemporaneamente dei mini Bruno Barbieri (riconosciuto dagli occhiali) abbigliato da chef, tagliò il filo che teneva il drappo davanti all’opera, scoprendola.
La gioia negli occhi di tutti divenne emozione in Gianni Maran che sebbene abituato alle esposizioni pubbliche delle sue opere, questa volta si trattava di una realizzazione che esce distintamente dai suoi canoni, quasi irriconoscibili, le sue pennellate, giacché pur mantenendo i soggetti che lo riportano alla sua isola di Grado, lui ha svolto solo il compito di riprodurre le singole opere dei giovani pazienti in un’unica grande tela, ma il risultato è meraviglioso. Giustificato il suo orgoglio quando ha riscontrato di aver lasciato esterrefatti tutti i presenti. L’utilizzo di colori brillanti, accesi, surreali, che rendono i suoi quadri più belli della realtà, in questo caso hanno seguito solo l’immaginazione e la spontaneità dei piccoli artisti.

ernIMG_9994La più autorevole pubblicazione di New York, l’International Contemporary Artists, vede da anni presente Gianni Maran tra i più grandi artisti del mondo, come nel Catalogo Generale dell’Arte Moderna Mondadori. L’esaltazione dei cromatismi che nell’alto adriatico difficilmente trovavo riscontro nelle profondità marine, in rappresentazioni schematiche, ripetute con tecnica impeccabile, arricchite da tonalità diverse, le rappresentazioni infinite, con movimento percettibile di un branco di pesci, in questo caso hanno lasciato spazio a soggetti diversi, probabilmente tutti appartenenti al mondo sottomarino, forse rasentando l’astrattismo. Certamente non nella mente degli inventori.
Per Gianni Maran il pennello rappresenta, sin dagli anni 80, la sua più profonda forma di comunicazione, lasciando raramente spazio all’interpretazione, presenta sempre soggetti concreti, chiari ma entusiasmanti. In questo caso ha dato voce agli ospiti della Nostra Famiglia, infondendo gioia e felicità, esprimendo il loro apprezzamento per la natura e il mare, come sottolineato dal direttore operativo Alessandro Giardina e che, unitamente a tutto il personale, ha molto apprezzato il capolavoro realizzato. L’assessore provinciale alle politiche per la famiglia, giovanili, pari opportunità e informatizzazione Elisa Asia Battaglia, ha espresso la sua riconoscenza nei confronti dell’artista e l’orgoglio con cui la struttura opera da anni in provincia di Udine, rappresentando un’eccellenza per le famiglie friulane.ernIMG_9937

Felicità Fluida è la rappresentazione di un mare serio, impegnativo, con elementi spaventosi, ma grazie al rinforzato valore intrinseco che rappresenta, riesce a donare gioia a chi lo osserva.

Marco Mascioli

Share Button

Comments are closed.