28/02/2024

Ha trovato la luce il libro “Il gioco è una cosa seria” scritto dal maestro Jean-Charles Bouchart, tradotto da Franca Bolognin e Lucia Sellan e testato negli ultimi venti anni dal maestro Edoardo Muzzin nell’insegnamento del judo all’interno della Polisportiva Villanova Libertas.

Il volume, un approccio educativo agli sport di opposizione legati alla pratica del judo, è frutto di un minuzioso lavoro a quattro mani fra il maestro V dan, tecnico della Federazione Francese e il maestro IV dan pordenonese del Palazen. Nella presentazione dell’autore, infatti, lo stesso Bouchart, un’istituzione nel paese in cui il judo è quasi lo sport nazionale, racconta quanto l’insaziabile sete di sapere di Muzzin lo abbia stimolato a riflettere e presentare in maniera sistematizzata il proprio insegnamento misto, fino a quel momento più intuitivo che studiato.

Il metodo presentato, quello della scoperta guidata, ha rivoluzionato il modo di insegnare il judo ai bambini, sviluppando una didattica che permette agli allievi di “inventare” di volta in volta la tecnica richiesta. Si tratta quindi di riportare il gioco nello sport, soprattutto ora che l’età media della pratica si abbassa sempre di più. La conseguenza diretta del metodo è quella di stimolare e motivare i ragazzi, che quindi proseguiranno nella pratica dello sport, ed impareranno il gesto sportivo in maniera naturale e corretta, senza concentrarsi sulle ripetizioni che spesso annoiano e fanno sentire inadeguati soprattutto i praticanti più giovani.

La pubblicazione è corredata da un’interessante prefazione del maestro X dan IJF Franco Cappelletti, ed un’altra del prof. Paolo Seclì, docente di attività motoria per l’età evolutiva e di educazione motoria nel Dipartimento di Educazione e Scienze Umane dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

Nel testo sono presenti idee, attività, proposte di lezioni e immagini a corredo delle descrizioni. Ma, per usare le parole dello stesso Seclì, “soprattutto tanta passione e la percezione dell’esperienza derivante dal lavoro e dal sudore sul tatami contestualmente all’applicazione e di chi lo sport lo vive con la gioia e l’emozione del bambino”.

Il prezioso volume, indispensabile tassello del corredo formativo di ogni tecnico sportivo, è disponibile su richiesta, inviando una mail a franca.edoardo@gmail.com.

Share Button

Comments are closed.