01/10/2022

Sarebbe un errore rinunciare alle cure odontoiatriche perché continuiamo ad essere in  pandemia e perché da lunedì 15 marzo il Friuli si trova in zona rossa. Gli ambulatori, rientrando  nella categoria dei servizi sanitari di pubblica necessità, sono tutti regolarmente aperti e ogni  spostamento, anche fuori dal proprio Comune, per raggiungere i professionisti, è del tutto  legittimo. Lo ricorda il Presidente della Commissione Albo Odontoiatri della provincia di Udine,  Giandomenico Barazzutti: “Dal dentista ci si può recare in piena sicurezza, infatti si tratta di un  valido motivo di spostamento per motivi sanitari, inoltre i cittadini possono stare tranquilli in  quanto la categoria,incluso il personale (igienisti dentali, assistenti alla poltrona, etc) è stato  vaccinato da tempo in Friuli quasi al 100 per cento già con la seconda dose;  

Se nel primo ‘confinamento’ erano state garantire solo le prestazioni di urgenza ed emergenza  non rinviabili, adesso, in questo nuovo periodo di zona rossa per un paio di settimane almeno,  l’indicazione fornita dalla CAO regionale è quella di assicurare l’attività clinica ordinaria  seguendo le indicazioni operative ricevute dal Ministero della Salute per tutelare al massimo la  salute dei cittadini e consentire un accesso sicuro. 

Anche in tempi di chiusure e restrizioni “è fondamentale proseguire gli screening con  prevenzione/controlli del cavo orale visto che si continua a riscontrare la crescita di problemi  parodontali e di carie che possono essere prevenute e sconfitte con programmi di  prevenzione”, osserva il Presidente Barazzutti.

Viene sempre eseguito il triage, sia telefonico nel giorno antecedente all’appuntamento sia  anche di persona, e vengono utilizzati tutti i dispositivi di protezione individuale.

Share Button

Comments are closed.