18/08/2022

Sinergia e semplificazione burocratica  per sviluppare, in primis,l’edilizia, il turismo e l’ambiente, in un’ottica di insieme che eviti contrasti settoriali. In sintesi è quanto ha delineato il governatore del Friuli Venezia Giulia, ospite a Muzzana del Turgnano, in una tavola rotonda organizzata da Zanutta spa e dedicata all’edilizia sostenibile. Zanutta è una realtà solida e in continua crescita, presente con 23 filiali nelle provincie di Pordenone, Udine, Trieste, Venezia, Belluno, Treviso e Padova e un atelier a Parigi, nella centralissima Rue de Bourgogne. Zanutta conta più di 400 dipendenti.Nel 2012 l’azienda ha realizzato realizza un notevole balzo in avanti con l’acquisizione della storica azienda sacilese Fadalti spa, di cui assorbito 14 filiali e 130 dipendenti, espandendosi anche in Veneto.

 Negli ultimi anni, in netta controtendenza rispetto alla crisi del settore edile, Zanutta ha investito in nuove acquisizioni (oltre alla ex Godeassi di Cervignano del Friuli anche la ex Prebag di Treviso, specializzata in bio edilizia, assorbita nel 2014), nell’apertura di nuove filiali (Trieste centro, Venezia, Padova e Mogliano Veneto) e nell’ampliamento di alcune sedi storiche (Udine e Sacile) che hanno rafforzato la presenza del gruppo in tutto il triveneto.

Nel corso dell’incontro a Muzzana il Consigliere regionale Bordin ha illustrato i dettagli del pdl 26 “improntato a valorizzare il patrimonio esistente, facilitando e sviluppando le attività collegate”.

Il governatore ha anche sottolineato quanto il territorio vada curato, dallo sghiaiamento di fiumi e laghi alla manutenzione dei boschi e alla cura degli edifici.  

la Regione ha voluto porre delle regole per incentivare chiunque voglia operare piccoli ma utili interventi strutturali, per recuperare e migliorare il patrimonio edilizio regionale.

 Dal governatore, infine, è giunto anche un invito al confronto continuo con l’Amministrazione regionale, chiamata ad agevolare quanto più possibile l’attività delle aziende e la vita quotidiana della popolazione.

   L’ing. Gianluca Zanutta – A.D. dell’azienda –  ha lanciato al Governatore nuove sfide per il futuro: “Viviamo in una Regione ricca di opportunità, che vanno sfruttate e messe in risalto. Non possiamo più tollerare che i nostri giovani talenti vadano all’estero a cercare lavoro, dobbiamo porre le basi per farli rimanere in regione, e contribuire a dare il lustro che questo territorio merita!”

L’altra sfida lanciata da Zanutta alla Regione parla di sostenibilità, un termine troppo spesso utilizzato in maniera non corretta. Usiamo sempre di più termini come green building in Friuli Venezia Giulia abbiamo un tasso altissimo di costruzioni sostenibili, e dobbiamo poter misurare in maniera univoca questa peculiarità. E’ proprio per questo che dobbiamo avere parametri universali e condivisi per poter comunicare questo nostro scarto competitivo, e oggi gli strumenti per farlo ci sono, e vanno regolamentati. 

La giornata si è conclusa nello Show Room Zanutta, per un brindisi finale,  di buon auspicio per una stretta collaborazione tra Amministrazione regionale, aziende e territorio.

Share Button

Comments are closed.