24/09/2022

Tra proiezioni dei film in concorso, incontri con fotografi, autori della fotografia, registi e attori, si avvia a conclusione il festival che celebra a Spilimbergo gli Autori della Fotografia del nostro cinema, Le Giornate della Luce, ideato da Gloria De Antoni che lo dirige con Donato Guerra.

Nella serata di sabato 11 giugno, alle 20.30 al Cinema Miotto, sarà consegnato il Quarzo d’Oro alla carriera a uno dei più grandi direttori della fotografia della storia del cinema, Luciano Tovoli. Versatile, poliedrico, raffinato, Tovoli e la sua luce hanno “illuminato” la settima arte per oltre quarant’anni. È stato fra i primi a incarnare in Italia un modello ‘colto’ di direttore della fotografia, ha vinto due Nastri d’argento – nel 1976 per Professione: reporter di Michelangelo Antonioni e nel 1989 per Splendor di Ettore Scola – e un David di Donatello, per Il viaggio di capitan Fracassa, sempre di Scola.

«Ho sempre combattuto – dichiara Tovoli – perché si parli di “autore della cinematografia”. “Cinematographer”, come dicono correttamente gli americani. Chi si occupa della luce su un set ha la paternità del film alla pari del regista. Nel resto dell’Europa l’hanno capito da anni, in Italia finalmente ci siamo arrivati».

Momento centrale del festival che racconta il cinema italiano contemporaneo attraverso chi ne cattura e firma la luce, sarà poi, sempre sabato 11 giugno alle 20.30 al Cinema Miotto, l’attribuzione del premio Il Quarzo di Spilimbergo Light Award – opera in mosaico realizzato dalla Friul Mosaic, cui si affiancano il Quarzo del pubblico e il Quarzo dei giovani – assegnato alla migliore fotografia di un film italiano dell’ultima stagione.

I tre autori della fotografia finalisti per Il Quarzo di Spilimbergo-Light Award 2022 sono Daria D’Antonio per “È stata la mano di Dio”, Michele D’Attanasio per “Freaks Out” e Mitja Licen per “Piccolo Corpo”.

Enzo Decaro

Alla cerimonia di assegnazione dei premi, anche la straordinaria presenza di Enzo Decaro, quest’anno al festival nei panni di presidente della giuria dei giovani. La sua carriera di autore e attore si divide tra teatro, televisione e cinema (impossibile non ricordare che ha fondato il trio comico “La Smorfia”, con Lello Arena e Massimo Troisi). È Cavaliere ufficiale e Commendatore della Repubblica Italiana per meriti artistici.

L’attore porterà anche un omaggio al ricordo che Le Giornate della Luce vogliono rinnovare anche in questa edizione a Michela, la ragazza di Spilimbergo vittima di femminicidio, di cui ricorrono sei anni dalla tragica morte.

Sarà poi assegnato il Premio Controluce per i mestieri del cinema e l’artigianato della Confartigianato Imprese Pordenone a Nanà Cecchi. Nata a Roma, dove ha compiuto i suoi studi universitari in Lettere Moderne, si divide tra cinema e teatro, con un’attenzione speciale nei confronti del melodramma: il suo lavoro si concentra sul Costume, oltre che episodicamente in ambito scenografico.

La giornata di sabato 11 giugno si aprirà già alle 10.00 con una passeggiata a tema a cura di Promoturismo FVG: un tour al centro storico e alla Scuola Mosaicisti del Friuli, mentre al Cinema castello di Piazza Duomo il Workshop per fotografi A cura di Angelo Raffaele Turetta “L’inganno degli occhi”, in collaborazione con Confartigianato Imprese Pordenone e Craf.

Sempre alle 10.00 al Cinema Miotto, la Masterclass di Peter Zeitlinger.

Nel pomeriggio, alle 15.00 al Cinema Miotto la conversazione di Luca Pallanch con Lorenzo Bianchini e Peter Zeitlinger e a seguire la proiezione di “L’angelo dei muri” di Lorenzo Bianchini. Alle 17.00 la visione del film finalista – Candidato Mitja Licen – “Piccolo Corpo”, di Laura Samani. Alle 18.00 invece, Ritrovo in Piazza Duomo a Spilimbergo per chi vorrà fare “due passi nel tempo: un fotoracconto tra le vie del borgo. Una passeggiata tema con gli Accoglitori di Città.

L’ottava edizione delle Giornate della luce si chiuderà poi domenica 12 giugno. Alle 10.00 a zonzo per la città con la passeggiata in carrozza. Dalle 10.00 alle 18.00 al Cinema Miotto, la presentazione di Premio Bookciak, Azione!, ideato e diretto da Gabriella Gallozzi. I bookciak sono corti di massimo tre minuti ispirati a romanzi, poesie e graphic novel.

Seguirà la Masterclass “Le magnifiche cinque” con lezioni di Francesca Amitrano, Melania Brugger, Eleonora Contessi e in collegamento Valentina Caniglia e Daria D’Antonio. Coordina Gabriella Gallozzi. E infine per le Cartoline dall’Italia – Luci e ombre dei film sulle vacanze, al festival “Tutte le nostre estati”, il video di Oreste De Fornari.

Le Giornate della Luce sono organizzate dall’Associazione Culturale Il Circolo di Spilimbergo e negli anni hanno avuto il sostegno di MiC, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Città di Spilimbergo, Fondazione Friuli, Friulovest Banca.

Share Button

Comments are closed.