19/09/2021

La ventiseiesima edizione di Friuli Doc, andata in scena a Udine, al di là dei numeri, rimarrà tra le  pagine di storia per il suo significato, sottolineato fin dal giorno dell’inaugurazione, alla quale  hanno partecipato, oltre alle autorità istituzionali della regione e al sindaco di casa, Piero  Fontanini, anche i sindaci di Gorizia, Ziberna, e  di Trieste, Di Piazza. 

Il richiamo più volte fatto alle misure di sicurezza e prevenzione adottate con i Covid box ( varchi  a cui uin qualche modo ci siamo abituati  se ripensiamo  agli scanner detector e i blocchi di  cemento antititerrorismo di non lontata memoria) e la app per facilitare l’accesso e le prenotazioni  agli eventi, è stato solo un passaggio delle riflessioni lanciate dal palco, intorno a quelle azioni e a  quelle norme che dovranno sì contenere la pandemia ma, al tempo stesso, assicurare i posti di  lavoro, la ripresa economica e turistica.

 “Grazie” è stata la parola che ha avuto più eco nella cerimonia di apertura: grazie ai cittadini del  Friuli Venezia Giulia per aver espresso un grande senso di responsabilità e di rispetto per la salute  altrui nei mesi più difficili, grazie ai professionisti della sanità e alla Protezione civile per la gestione dell’emergenza e grazie al professor Silvio Brusaferro, insignito del Sigillo della città di  Udine per aver portato con onore ed orgoglio il Friuli Venezia Giulia ai vertici dell’Istituto  superiore della sanità da cui ha diretto quella che egli stesso ha definito “una sfida totale” per  l’Italia, primo tra i Paesi occidentali a dover affrontare l’impatto del coronavirus.

Un grazie che si è tradotto anche nei riconoscimenti andati a Luca Lattuada, direttore medico del  Santa Maria della Misericordia di Udine, Stefano Giglio, presidente dell’Ordine delle professioni  infermieristiche di Udine, Stefania Marzinotto, coordinatrice dell’Area biologia molecolare  dell’Asufc, Alessia Del Canto della Clinica malattie infettive dell’ospedale di Udine e Amedeo  Aristei direttore della Protezione civile regionale.

Quanto a Friuli Doc, la manifestazione ambisce a confermare la qualità dei prodotti friulani in un  contesto cittadino rinnovato ed elegante che ha il suo simbolo nella nuova veste di via Mercato  Vecchio.

Share Button

Comments are closed.

Cheap Tents On Trucks Bird Watching Wildlife Photography Outdoor Hunting Camouflage 2 to 3 Person Hide Pop UP Tent Pop Up Play Dinosaur Tent for Kids Realistic Design Kids Tent Indoor Games House Toys House For Children
Translate »