23/07/2021

E’ un bilancio entusiasmante e degno di un anniversario importante come i 20 anni quello che archivia il Festival Dedica, incentrato quest’anno sullo scrittore franco-marocchino Tahar Ben Jelloun.  Dopo due settimane intense, la rassegna organizzata dall’associazione Thesis (con il fondamentale sostegno di istituzioni e privati) si è congedata dal pubblico con il festoso concerto La danse des vents, musica dal Marocco. Melange sonoro e culturale, che spesso è la “trama” del festival e che nel caso specifico è il tema centrale di tutta l’opera letteraria di Tahar Ben Jelloun. “Ovvero il dialogo fra persone di culture e religione diverse – sottolinea il presidente Gianfranco Verziagi – che rappresenta una questione cruciale, una sfida culturale anche per Pordenone, con il suo attuale 16% di popolazione immigrata. Come viene spesso sottolineato, Dedica, per la particolarita’ della sua formula – che è quella dell’approfondimento, alternativa ai festival generalisti – ed essendo una rassegna che si prolunga per due settimane, non basa il suo successo sui numeri. Che pur sono notevoli, se si considera che gli undici appuntamenti hanno sempre registrato il “pienone” e dunque, calcolando le capienze delle sale, hanno registrano circa 5 mila presenze. Particolare successo, anche grazie alla statura degli attori e dei registi coinvolti hanno riscosso le produzioni teatrali del festival, sia “Il libro del buio” con Tindaro Granata e diretto da Serena Sinigaglia sia “Creatura di sabbia”, con Maria Paiato diretta da Stefano Massoni, spettacoli che, come più volte è accaduto in passato, hanno tutte le caratteristiche per entrare “autonomamente” nei circuiti teatrali.
Straordinario e crescente il coinvolgimento dei giovani, sottolineato dalla curatrice del festival, Annamaria Manfredelli: “ben 750 gli studenti delle scuole superiori coinvolti attivamente insieme ai 30 docenti coordinatori, con la novità della partecipazione all’incontro con Ben Jelloun di una classe della scuola media Pasolini. Eccezionale poi – aggiunge – la partecipazione al concorso di idee Parole e immagini per Tahar Ben Jelloun: 195  gli elaborati di scrittura arrivati e  97 quelli di grafica”. Va poi ricordato l’ottimo lavoro dei 29 blogger del Liceo Grigoletti, che alternandosi, hanno seguito e documentato tutti gli eventi, postandoli in tempi stretti sul bookblog del Salone del libro di Torino con il quale Dedica ha avviato una collaborazione,i protagonisti di Dedica che si sono succeduti negli anni  hanno inviato affettuosi messaggi d’auguri al festival per i suoi 20 anni.
Fra i tanti, Dedica vuole ricordare le parole di Claudio Magris, che di Dedica è stato protagonista nel 1999. “Dedica credo sia la più bella, la più autentica, la più intelligente e creativa iniziativa e istituzione fra quelle riservate in Italia alla letteratura senza confini di alcun genere. Ci sono tanti festival letterari, in Italia e nel mondo; eventi, incontri, manifestazioni d’ogni genere, premi. Li frequento, con gratitudine per l’attenzione che mi viene rivolta, ma quelle manifestazioni finiscono per elidersi, una giostra di scrittori di libri e di interviste che presto annulla o quasi ogni singolo autore e ogni singola opera nella ridda, nella accelerata successione e sovrapposizione di eventi. Alla base di Dedica c’è un’idea semplice e geniale: l’incontro con un autore, articolato in manifestazioni diverse e scandite senza assillo. Tutto ciò permette quello che gli eventi turbinosi non consentono: il reale incontro con un autore, la frequentazione che arricchisce e muta le prime impressioni; il dialogo vero. Insomma è un’esperienza vera, concreta, reale (a me fra l’altro ha permesso di incontrare o reincontrare amici scrittori cui sono legato, come ad esempio Nadine Gordimer, ma non è questo dato personale che conta). A chi sostiene Dedica e la rende possibile col suo lavoro, va la gratitudine oggettiva di tutti. Sono poche le operazioni di vera cultura come questa. Lo dico con assoluta sincerità perché Dedica non ha bisogno di miei complimenti né io ho bisogno di fargliene”.

Share Button

Comments are closed.

Cheap Tents On Trucks Bird Watching Wildlife Photography Outdoor Hunting Camouflage 2 to 3 Person Hide Pop UP Tent Pop Up Play Dinosaur Tent for Kids Realistic Design Kids Tent Indoor Games House Toys House For Children
Translate »