10/06/2024

Nell’immaginario del turista la crociera occupa sempre uno spazio, da motivare in modi diversi..o come sogno da raggiungere o come esperienza da provare, almeno una volta nella vita. Navi che oramai sono diventate interi quartieri metropolitani, votati ad un lusso (tranne che per l’equipaggio relegato al di sotto della linea di galleggiamento)…spesso ridondante, sfarzoso e tendente al kitsch, a far da cornice soprattutto ai ristoranti, dove è possibile rimpinzarsi a ciclo continuo. Salvo poi correre in preda a sensi di colpa verso palestre, piscine e centri benessere (sempre sulla nave) mentre chi non si pente corre verso il casinò,il teatrone,il piano-bare o lo shopping.

Navi gigantesche, meraviglie dell’ingegno umano che, nel loro essere variopinto e luccicante luna park, hanno superato ampiamente il vecchio assioma che navigare era per ricchi o per chi comunque se lo poteva permettere…condizione che andava a legarsi anche all’età anagrafica… da cui le crociere erano per vecchi…non è più così grazie a prezzi di base più abbordabili, ottenuti gonfiando la nave fino a 15 piani. Il paradigma nave uguale a divertimento/relax più turismo oggi richiama un pubblico trasversale. Gli anziani sono mescolati a giovani e famiglie e gli spazi della nave sono tarabili a seconda del portafogli. Navi e viaggi si organizzano anche secondo ulteriori categorie di interesse o di status, per le quali avere la percezione di riservatezza fisica e reale diventa importante. E quale posto meglio di una nave può soddisfare questa condizione?

Ed ecco allora le crociere per single senza coppie e bambini a bordo, per omosessuali, per naturisti e,in partenza il 26 settembre da Venezia, la crociera per scambisti e per chi cerca l’avventura nel sesso. Lo riporta il quotidiano on line RavennaToday.

La Desire Cruise, la crociera del desiderio, è organizzata da Original Group, società messicana specializzata nell’intrattenimento per adulti, con villaggi e navi appositamente dedicati a questo tipo di pubblico. La nave che si presta alla particolare crociera è la Azamara Quest, in grado di ospitare 690 persone, che da Venezia raggiungerà Ravenna, per poi proseguire per Spalato, Dubrovnik, Zara,Capodistria ed, infine, tornare a Venezia. Perché Capodistria e non Trieste?

Comunque tutte città da visitare , sempre che i passeggeri in tutt’altro affaccendati, si ricordino di scendere. A bordo si potrà intraprendere ogni tipo di gioco, con la regola che l’equipaggio…e “il comandante” vanno lasciati in pace. Naturalmente per questo tipo di crociera non vale quanto scritto prima a proposito dei prezzi. Qui il viaggetto diventa più impegnativo rispetto ai 500 euro circa che può costare oggi come oggi una crocierina nel Mediterraneo, se si fa attenzione agli extra sia sulla nave che nelle località da visitare…(a Dubrovnik, bella ma che non è Venezia, da testimonianze dirette… due caffè anche 10 euro…)

GFB

Share Button

Comments are closed.

Open