02/12/2022

Arginare lo strapotere della rete. Contenere la dirompenza di Amazon e la deriva della deregulation. Valorizzare il ruolo sociale, prima ancora che economico, del commercio al dettaglio. Sono questi alcuni degli spunti principali emersi nell’Auditorium regionale di via Sabbadini a Udine nel corso di un incontro organizzato dall’Assessore regionale al Commercio Sergio Emidio Bini, alla presenza di categorie economiche, sigle sindacali e amministrazioni locali, sui quali l’assessore comunale di Udine ai Grande eventi Maurizio Franz ha posto l’accento, declinando il tema del commercio in chiave udinese, prendendo la parola come relatore.

Maurizio Franz

“L’incontro – spiega Franz – ha consentito di entrare nel merito dei contenuti della legge regionale SviluppoImpresa, rispetto alla quale esprimo una valutazione molto positiva. Al netto di ogni altra considerazione, a me interessa valutare gli effetti che la legge produce per la città, per i commercianti e per i cittadini”.

Ancora Franz: “Inutile e antistorico ostinarsi a combattere battaglie di retroguardia. Il Covid ha definitivamente assegnato alla rete un ruolo molto forte, innescando e, anzi, accelerando un processo irreversibile”.

Quali siano le strategie di governo di questo processo in modo che si possnoa salvaguardare le dinamiche che rendono una città ancora un luogo dove vivere, incontrarsi e commerciare le ha descritte Franz attraverso le scelte operate dall’amministsrazione comunale che, per pedonalizzazione e arredo urbano del centro storico, ha investito già due milioni e 100 mila euro, recuperando alla socialità via Mercatovecchio e piazzetta Marconi. Franz ha anche ricordsato l’impegno di udine per incentivare le persone a sostituire il volante dell’automobile con il manubrio della bicicletta, con evidenti benefici ambientali e di riduzione dello stress. Tra le iniziative che si riconducono alla riduzione del traffico veicolare dal centro cittadino, Franz ha ricordato il progetto BiciPlan, finalizzato a mettere in rete tutte le piste ciclabili della citt° e quelle della periferia, per un circuito che, nel suo complesso, copre 170 chilometri.

Sul piano del coordinamento dell’offerta commerciale, l’assessore ha ricordato il ruolo centrale di Udine nel distretto del Commercio con i Comuni di Tricesimo, Reana del Rojale e Tavagnacco nell’allestire un’ offerta completa e coerente.

Share Button

Comments are closed.