20/02/2024

Di Marco Mascioli

Ci sembrava fossero trascorsi pochi mesi, invece oltre due anni fa, il 26 luglio 2018, demmo il benvenuto al colonnello Amadori che assunse l’incarico di dirigere l’aeroporto militare a Rivolto di Codroipo (UD), sede del 2° Stormo. Mercoledì 23 settembre 2020, si è svolta la cerimonia di cambio di comando tra Andrea Amadori e il Colonnello Marco Bertoli. 

Alcuni giorni prima della cerimonia ufficiale di avvicendamento, come consuetudine il colonnello Amadori si è recato dal Sindaco della città di Codroipo, dottor Fabio Marchetti, per presentare il neo assegnato per assumere il comando dello Stormo.  Un momento toccante, amichevole, quasi una riunione famigliare, per ricordare i tanti momenti trascorsi a Codroipo dal comandante uscente in questi due anni, gli eventi e le cerimonie  condivise e al contempo scambiarsi gli auguri per il futuro.  Insieme al Sindaco Marchetti c’erano gli assessori alla cultura Tiziana Cividini, alla Famiglia e Politiche Giovanili Fabiola Frizza, il consigliere Sergio Spada e il consigliere Vincenzo De Rosa nella duplice veste, essendo  Maresciallo dell’Aeronautica Militare che accompagnava i comandanti.

Il cambio di comando vero e proprio si è svolto in una giornata uggiosa e piovosa, quindi tutti rintanati nell’Hangar di manutenzione della Pattuglia Acrobatica, con il Comandante delle Forze da Combattimento e della 1^ Regione Aerea di Milano, Generale di Divisione Aerea Francesco Vestito, ma nel rispetto delle le limitazioni dettate dalla situazione emergenziale, con la partecipazione di una ristretta rappresentanza del personale del reparto e di autorità civili e militari locali.

Oltre al vicepresidente della Regione Riccardo Riccardi, c’era il presidente del Consiglio Regionale Piero Mauro Zanin, il Sindaco di Codroipo Fabio Marchetti, di Udine Pietro Fontanini, di Bertiolo Eleonora Viscardis, di Campoformido Erika Furlani e di Lestizza Eddi Pertoldi.

Nel discorso di commiato, il Colonnello Andrea Amadori ha rivolto innanzitutto il suo pensiero alla Bandiera di Guerra del 2° Stormo “mia fonte d’ispirazione soprattutto nei momenti di maggiore difficoltà dalla quale ho sempre ricevuto forza e volontà nel perseguire la missione dello Stormo”. Ha poi continuato affermando: “è il sentimento reciproco di fiducia su cui si basa il rapporto tra il 2° Stormo e questa meravigliosa terra, il Friuli-Venezia Giulia, che ci sta permettendo di affrontare coesi, questa emergenza che tutto ha sconvolto”.

Il Colonnello Amadori, durante il suo intervento, ha esaltato il principio della “continuità nel cambiamento”, facendo specifico riferimento alla novità del SIRIUS, il nuovo sistema di difesa missilistica MAADS, Medium Advanced Air Defence System, che proietterà il 2° Stormo verso nuovi e prestigiosi traguardi, in sostituzione dell’ormai vetusto sistema SPADA.

Il 2° Stormo a Rivolto di Codroipo è il reparto dell’Aeronautica Militare che svolge la funzione di punto di riferimento missilistico del sistema di Difesa Aerea nazionale. Lo Stormo inoltre assicura il regolare svolgimento dei servizi aeroportuali e il mantenimento delle infrastrutture e degli impianti, anche a favore del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico “Frecce Tricolori” Pattuglia Acrobatica Nazionale, operante sulla stessa base, nonché il transito di altri velivoli, concorrendo anche, nel rispetto delle direttive emanate dalle Superiori Autorità, al servizio di Difesa Aerea.  

Riccardo Riccardi, vicepresidente Regionale con delega alla sanità, ha sottolineato la collaborazione tra il sistema sanitario regionale e l’Aeronautica Militare, che ha consentito di realizzare, all’interno del sedime militare di Campoformido (UD), un eliporto per i trasporti sanitari, agevolando un’ottantina di trapianti solo dall’inizio del 2020.

Tra pochi giorni ci sarà il Giro d’Italia con migliaia di ciclisti e relative squadre che partiranno dall’interno dell’aeroporto a Rivolto di Codroipo, come ha ricordato il presidente del Consiglio Regionale Piero Mauro Zanin. Il 18 ottobre 2020 per la prima volta in 103 edizioni, una tappa del Giro partirà da una base militare, anche se, causa Covid, non sarà possibile l’accesso del pubblico. 

Inevitabile il pensiero alle Frecce Tricolori che durante il fine settimana 19 e 20 settembre, sotto un sole splendente, avrebbero dovuto celebrare il 60° compleanno. Un raduno delle migliori pattuglie acrobatiche del mondo, per festeggiare l’importante traguardo, che, se tutto va bene, si svolgerà il prossimo anno e il 2° Stormo dovrà garantire il supporto logistico e operativo per due giorni di voli intensi. Non vediamo l’ora.

Share Button

Comments are closed.

Open