22/02/2024

ASCOLTA IL SERVIZIO:

Dopo due anni l’attesa è cresciuta e alto è l’interesse per una manifestazione del calibro di AGRIEST che da oggi (giovedì 24 ) a domenica 27 gennaio a Udine Fiere sarà il punto di riferimento nel Nord Est per quanti operano nel mondo dell’agricoltura.

A scendere in campo è l’agricoltura della meccanizzazione e dell’innovazione con la partecipazione di 250 aziende.

“La sicurezza in agricoltura e selvicoltura: un bene da coltivare” è  il titolo del convegno inaugurale che  OGGI (giovedì 24) ha aperto la 53^ edizione di AGRIEST. Un tema, quello della sicurezza, di stretta attualità, visto che si sta operando nelle aree gravemente danneggiate dal maltempo abbattutosi sulla montagna friulana e non solo lo scorso ottobre.

 Il simposio   è curato dal PSR – Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 del FVG, gestito dalla Direzione Centrale Risorse Agroalimentari, Forestali e Ittiche, che è presente ad AGRIEST 2019 nel padiglione 8 con uno stand   dove saranno ospitati numerosi eventi, tra dimostrazioni, incontri, workshop e seminari, rivolti sia agli addetti ai lavori, sia al grande pubblico della manifestazione espositiva.

 Del settore  lattiero caseario,  sul tema specifico delle micotossine, si parlerà  venerdì alle 13, nella sala congressi del quartiere fierstico.

 Nella sala Bianca, la Direzione Centrale Risorse Agroalimentari organizza in collaborazione con ERSA, agenzia regionale per lo sviluppo rurale, un altro convegno di approfondimento dalle 15.00 alle 18.00 di venerdì 25 gennaio, sul tema “Le buone pratiche agricole nei seminativi, nel rispetto dell’ambiente e dell’economia”. Interverranno Gianluca Governatori (Servizio fitosanitario e chimico, ricerca, sperimentazione e assistenza tecnica dell’ERSA), Lorenzo Furlan di Veneto Agricoltura (Settore ricerca agraria), Marcello Biocca di CREA-IT, Centro di Ricerca Ingegneria e Trasformazioni agroalimentari, Daniele Giacomel di Condifesa Friuli Venezia Giulia, spaziando da temi come le buone pratiche agricole nei seminativi in preparazione delle semine alle alternative all’utilizzo dei prodotti fitosanitari nei seminativi per migliorare il reddito degli agricoltori, e dagli adattamenti sulle macchine seminatrici per limitare la deriva di polveri contenenti prodotti fitosanitari, fino alle opportunità offerte dai fondi mutualistici.

Sempre a cura della Direzione centrale risorse agroalimentari, forestali e ittiche e del PSR FVG i due convegni di sabato 26 gennaio su  “Lo sviluppo locale nelle aree rurali. L’esperienza LEADER e le strategie di cooperazione” (alle 10.30) e su “Analisi strategica del settore lattiero-caseario regionale. Il punto sulla consultazione territoriale e l’attività dei gruppi di lavoro” (alle 14.30).

Share Button

Comments are closed.