23/02/2024

“Dobbiamo cogliere l’occasione per potenziare e promuovere ulteriormente la vocazione cicloturistica del nostro territorio e quindi sviluppare il turismo ‘lento’, che permette di scoprire e riscoprire le bellezze, anche più nascoste, del nostro Friuli Venezia Giulia”.
Con queste parole l’assessore regionale alle Finanze, Barbara Zilli, ha introdotto il workshop ‘L’Embedding della Ciclovia adriatico-ionica Eusair (Adriatic-Ionian Cycle Route) nella programmazione europea 2021-2027’.
Il progetto Adrioncycletour è stato predisposto grazie alla collaborazione tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione Marche e prevede la realizzazione dell’adriatic-Ionian Cycle Network costituito dalla ciclovia che percorre l’intera costa del bacino Adriatico-Ionico di tutti i Paesi Eusair dall’Italia alla Grecia (ciclovia costiera Adriatic-Ionian Cycle Route), e i suoi principali collegamenti ciclabili con le aree interne (ciclovie di penetrazione interna).
Ricordando anche la posizione geografica strategica del Friuli Venezia Giulia, come porta sull’Europa, Zilli ha aggiunto che “nell’ambito del programma Interreg Italia-Austria, programmazione 2007-2013, è stato realizzato il progetto Caar-Ciclovia Alpe Adria, in collaborazione con il Land Carinzia e con il Land Salisburgo.
Nel corso della programmazione 2014-20 è stato invece attuato il progetto MedCycleTour (Interreg Med), che ha definito, con il coordinamento di European cyclist federation (Ecf), il percorso e la promozione dell’itinerario ciclabile europeo Eurovelo 8-Mediterranean route (Cadice-Izmir), che nel tratto di competenza regionale corrisponde alla FVG 2 Ciclovia del mare Adriatico (Trieste-Lignano). “Questo progetto – ha aggiunto l’assessore – rappresenta una buona pratica che sarà mutuata nella programmazione 2021-27 per definire e realizzare l’itinerario ciclabile Adrioncycletour,
L’assessore Zilli ha sottolineato l’importanza di “unire ai tracciati i servizi, anche digitali, come ci indica la migliore tradizione europea”.
Attualmente la Rete ciclistica regionale è costituita da nove ciclovie, che si sviluppano complessivamente per più di mille chilometri, e ha l’obiettivo di creare una rete di percorsi transregionali di alta qualità, capace di essere l’elemento infrastrutturale portante per lo sviluppo di una mobilità e di un turismo sostenibili e in grado di conquistare fasce sempre più ampie di utenza.

Share Button

Comments are closed.