16/06/2024

di GFB

VIVARADIO srl, big player in Friuli Venezia Giulia nella rappresentanza commerciale multimedia, ma anche società editrice di informazione con Euroregione.news e Calcio FVG, taglia quest’anno l’importante traguardo anagrafico del quarantesimo anniversario di operatività sempre con la stessa partita IVA. “Un orgoglio non indifferente – precisa il fondeur Cesare Di Fant – se pensiamo a quanto sia complicato mantenere sempre e comunque la barra dritta”. Oggi e da molti anni VIVAADIO è un centro media senza più necessità di presentazioni, in grado di articolare e ritagliare su misura per la clientela istituzionale e privata vari canali di comunicazione, dalla radio al cinema, dai camion vela alla cartellonistica, da internet ai progetti editoriali complessi come il canali tematici Calcio FVG e tele Calcio FVG dedicati al mondo del calcio dilettantistico regionale e l’agenzia di informazione e quotidiano on-line Euroregione.news. Quarant’anni di attività scanditi ogni 5 anni da celebrazioni (memorabili i festeggiamenti a Villa Manin di Passariano, al Castello di Susans, nel palazzo della Regione a Udine e in occasione dell’inaugurazione della sede direzionale di VIVARADIO a Pradamano.

Quarant’anni passati non perdendo mai di vista la cifra originaria, quel DNA che oggi è ancora un asset fondamentale delle attività di VIVARADIO: la radiofonia che, per gli operatori economici della regione, significa accesso ad emittenti radiofoniche italiane e ed estere di primaria importanza nel Nord Est italiano, in Austria, in Germania, in Slovenia e Croazia.

Da sinistra Mario MINISINI, Gianfranco LEONARDUZZI, Glauco CALICE, Cesare DI FANT

Un DNA che si concretizzò nel lontano giugno del 1983 quando i soci fondatori, Glauco Calice, Mario Minisini, Gianfranco Leonarduzzi e Cesare Di Fant aprirono i microfoni di “Radio StudioMille Digital Stereo”, storica emittente friulana che trasmise con una sola frequenza da impianti ubicati sul monte Muris. Nel 1997 Radio StudioMille cambiò il nome nell’attuale VIVARADIO srl, mantendendo la stessa partita IVA. Nei giorni scorsi i soci fondatori di allora (nel tempo Cesare Di Fant è diventato socio unico e direttore generale dell’azienda) si sono ritrovati per brindare a quella che fu una scommessa a metà strada tra passione, goliardia e incoscienza, che oggi è tutt’altro che una foto sbadita in un album dei ricordi.

Share Button

Comments are closed.