26/09/2023

“Se è vero che lo sviluppo di un Paese passa anche attraverso le sue infrastrutture allora bisogna riconoscere l’importanza di una risorsa fondamentale per il nostro territorio, che ha creato ricchezza, posti di lavoro, dando un appeal in più alla città metropolitana”. Non ha nascosto la propria soddisfazione il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, all’inaugurazione all’aeroporto Marco Polo, alla presenza del ministro alle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, di due nuove opere che accrescono il livello dei servizi offerti ai cittadini: il Water Terminal’ (darsena per imbarcazioni) e il ‘Moving Walkway’ (tappeto mobile).

33 milioni di euro nell’ambito del contratto di programma tra Save ed Enac, che portano lo scalo veneziano a raggiungere standard internazionali, garantendo funzionalità, sicurezza e sostenibilità ambientale. C’era il pubblico delle grandi occasioni allo scalo veneziano per la presentazione delle due nuove opere, attese da tempo e che dal 10 novembre saranno a disposizione dei passeggeri.

E’ il primo traguardo di un percorso progettuale che da qui al 2021, con 800 milioni di euro di investimento, cambierà volto allo scalo veneziano, con interventi ulteriori per l’estensione del terminal, la cui conclusione è prevista per la prossima primavera, nuove sale passeggeri, adeguamento alle infrastrutture di volo, parcheggi. Un piano progettuale e di sviluppo che renderà l’aeroporto veneziano ancora più competitivo su scala mondiale.

“Non posso che ringraziare Save e il suo presidente, Enrico Marchi, che non si è mai arreso e che ha sostenuto con determinazione la necessità che l’aeroporto andasse difeso e sviluppato – ha dichiarato il primo cittadino -. Un Paese progredisce attraverso le sue vie di comunicazione allora insieme all’aeroporto, che rappresenta il terzo scalo intercontinentale italiano, è necessario puntare sul porto di Venezia. Solo in questo modo riusciremo a creare nuove prospettive di crescita per la nostra realtà, garantendo il lavoro e un futuro alle nuove generazioni”.

Soddisfazione per il risultato è stata espressa anche dal ministro Delrio che ha dichiarato “Venezia è una città che ha delle ambizioni destinate a realizzarsi nell’ambito di una strategia Paese, se non c’è un sistema – ha aggiunto Delrio – Venezia da sola non si salva”.

Dopo l’inaugurazione del Water Terminal e del Moving Walkway all’aeroporto Marco Polo, il ministro alle Infrastrutture e trasporti Graziano Delrio è stato ospite del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, per un sopralluogo a tutto campo nel sistema lagunare.

L’obiettivo è stato quello di far conoscere in prima persona al ministro i temi al centro del futuro della città: dallo sviluppo di Porto Marghera, con il completamento dei marginamenti e la messa in sicurezza dell’area per poter far ripartire la produzione, dare lavoro e attrarre investitori, al porto off shore, dalla soluzione al passaggio delle grandi navi dal Bacino di San Marco, con la via alternativa del canale Vittorio Emanuele, alla gestione Mose.

Share Button

Comments are closed.