05/04/2024

L’assemblea dei sindaci dell’UTI del Friuli Centrale ha approvato lo scorso 19 ottobre  il Piano strategico dell’Unione per il triennio 2018-2020. Sviluppo economico, turismo, integrazione socio sanitaria e politiche giovanili, sostenibilità: sono questi i quattro ambiti su cui si concentreranno gli sforzi dell’Unione. Ciascuno richiederà delle azioni ben precise, ma tutte accomunate dall’attenzione verso l’ecosostenibilità. Dal potenziamento delle ciclovie, passando per la costruzione di impianti per auto elettriche fino alla volontà di applicare su tutto il territorio il piano di azione per l’energia sostenibile e il clima.

Fra le iniziative presenti nel documento, ve ne sono alcune che, nel 2017, sono state già avviate e che potrebbero vedere un proseguimento anche nel triennio in questione:

-Recupero Caserma Piave (finanziamenti richiesti: €600.000 per il 2018; €900.000 per il 2019);

-Realizzazione del percorso ciclopedonale UDINE-CARGNACCO-ZIU (finanziamenti richiesti €500.000 per il 2018;  €990.000 per il 2019);

-Acquisto auto elettriche per servizi socio-assistenziali e costruzione di stazioni di ricarica (finanziamenti richiesti €140.000 per il 2018; €300.000 per il 2019).

Il documento è al momento sottoposto al vaglio della Regione, la quale valuterà i progetti da finanziare.

« Sono certo che siamo partiti con il passo giusto- ha commentato il presidente dell’UTI, Furio Honsell – superando tutte le strumentalizzazioni politiche a beneficio di tutti, valorizzando i beni comuni come la salute e l’ambiente».

Monica Bertolini,  Vice Presidente dell’UTI del Friuli Centrale – ha sottolineato che con  l’UTI  si riesce a garantire uno sviluppo sovraordinato per  realizzare i progetti di area vasta, che stanno diventando realtà.

Share Button

Comments are closed.