13/05/2024

Sull’annoso problema della linea ferroviaria che taglia in due la città di Udine interviene con una mozione il presidente regionale della Lega e capogrtuppo comunale , Mario Pittoni, per chiedere al sindaco del capoluogo friulano, Furio Honsell, di ritirare la firma dal protocollo di intesa siglato con Rete ferroviara italiana ed altrettanto dovrebbe fare l’assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio, Mariagrazia Santoro.

«Ne va – spiega Pittoni – dell’immagine della classe politica regionale che, a meno di un mese dal voto su un documento approvato praticamente all’unanimità il quale impegna la Giunta regionale a fare pressione sul ministero competente per ottenere la dismissione della tratta cittadina “nel più breve tempo possibile”, ha sottoscritto con Honsell e Santoro un accordo che va nella direzione opposta, accettando che Rfi si limiti a effettuare una “valutazione di fattibilità tecnica dell’ipotesi di trasferimento del traffico sulla circonvallazione” tra 4-5 anni. Periodo nel quale, per “mitigare al massimo i disagi dei residenti”, Comune, Regione e Rfi istituiranno un tavolo tecnico permanente che prenderà in esame “le modalità viabilistiche, le esigenze di contenimento del rumore e le problematiche impiantistiche relative ai passaggi a livello”. Un’autentica presa in giro!, chiosa Pittoni.

Share Button

Comments are closed.