18/05/2024

I 50 anni dalla istituzione della Fondazione voluta dai nobili De Claricini Dornpacher per curasse e valorizzasse attravserso la cultura il loro patrimonio storico, a partire dalla seicentesca villa di Bottenicco di Moimacco e del suo parco all’italiana e all’inglese, sono festaggiati insieme al settecentesimo anniversario della morte di Dante. Ed è più di una semplice coincidenza temporale. Fu infatti proprio un de Claricini, il conte Nicolò, a trascrivere nel 1466 la Divina Commedia, dotando così il suo casato e il Friuli di uno dei più antichi codici danteschi tuttora esistenti, unico codice originato, trascritto e commentato in latino in regione.
Grazie anche al sostegno di Civibank che da tre decenni partecipa al sostegno delle numerose iniziative della Fondazione, il calendario di iniziative sotto l’evocativo titolo di “Tutte quelle vive luci”, approvato dal Comitato nazionale per le celebrazioni dantesche del Ministero per la Cultura, è stato recentemente presentato a Cividale Oldino Cernoia, presidente della Fondazione. Incontri e convegni, mostre e spettacoli, si svolgeranno a Bottenicco di Moimacco, Cividale del Friuli, Udine, Pordenone e Tolmino. Fra le iniziative di particolare interesse si collocano le mostre accolte a Villa de Claricini Dornpacher: una mostra di cartoline postali prodotte nel primo Novecento e parte del fondo librario della Fondazione; un percorso espositivo di pagine miniate a cura del maestro Massimo Saccon e della calligrafa Maria Valentinuzzi; una mostra di artisti contemporanei, “Dante fra ombre e luci”, e infine, nel giardino, una serie di venti sculture sempre ispirate alla commedia dantesca.Di particolare rilevanza anche il convegno internazionale di studi “Oltre la Commedia: Dante nel Trecento. L’opera filosofica, lirica, la ricezione in Friuli”, realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Udine, in programma dal 30 settembre al 2 ottobre fra Udine, Cividale e Bottenicco di Moimacco.
Fiore all’occhiello del programma sarà poi la mostra di manoscritti miniati “La Commedia di Dante nel codice de Claricini e negli altri manoscritti in Friuli” curata da Matteo Venier, ospitata dal 18 settembre al 7 novembre 2021 al Museo Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli.

“E’ sempre un piacere per noi vedere i frutti del supporto al territorio, e le attività della Fondazione de Claricini Dornpacher ne sono un ottimo esempio,” ha commentato Michela Del Piero, Presidente di CiviBank.

Share Button

Comments are closed.