17/07/2024

“E’ impressionante verificare che Trenitalia dal prossimo mese abbia determinato un aumento del costo degli abbonamenti AV fino al 35%. Mi chiedo in quale Paese vivono i suoi vertici amministrativi”.

La presa di posizione viene da Franco Iacop, coordinatore della Conferenza dei Consigli regionali e presidente dell’Assemblea legislativa del FVG.

” in un  Paese cresciuto anche grazie alla mobilità lavorativa, Non è pensabile  in tempi di deflazione -denuncia Iacop – aumentare gli abbonamenti del 35%, portando intere famiglie al collasso. L’azienda Trenitalia, oltre a fare business, è anche concessionaria pubblica e monopolista di un servizio pubblico e l’alta velocità è stata realizzata anche grazie alle tasse dei cittadini. Per non parlare del fatto che oggigiorno migliaia di persone si spostano per seguire il lavoro, spesso senza certezze per il futuro o per cogliere una opportunità in un sistema Paese integrato che vuole andare verso aree territoriali sempre più connesse”.

“E’ impensabile, come si è letto nei giorni scorsi, che l’azienda scarichi sulle Regioni considerando gli abbonamenti una sorta di privilegio.   Il Governo – conclude Iacop – intervenga immediatamente come azionista di maggioranza”.

Share Button

Comments are closed.