13/05/2024

di Igor Pezzi
Stefano Zampa si laurea in web marketing e porta le sue competenze nelle aziende di famiglia dove, assieme ai genitori e fratelli, gestisce dei ristoranti. Con Stefano abbiamo fatto una panoramica generale anche sulla situazione attuale che i ristoratori stanno vivendo in questi mesi, a causa della pandemia.
Nell’intervista Stefano ci ha parlato dell’importanza di investire sul web per poter trasmettere la politica e lo stile dei propri prodotti e brand che in questo caso si riferiscono alla cucina, ai piatti che lo chef propone, ai vini e al servizio. Ma il consiglio esperto di Stefano è quello di approcciarsi al web con molta attenzione dove -continua Stefano Zampa- è fondamentale informarsi su che cosa si vuol proporre e comunicare e quindi questo implica conoscere bene prima la propria azienda e quindi le caratteristiche. Allo stesso tempo visti i tempi cambiati negli ultimi anni, il ristoratore non può pretendere di poter essere presente e competente in tutto e quindi da qui l’importanza delle figure come quella del web marketing, che fa un lavoro da consigliere e interprete, un lavoro che si svolge dietro le quinte, vicino alle figure della ristorazione (chef, cameriere, est..). La situazione attuale per la ristorazione non è delle migliori a causa delle chiusure dovute ai DPCM, una situazione che potrebbe condizionare la vita dei ristoratori ma allo stesso tempo anche degli avventori; secondo Stefano, le figure della stessa ristorazione dovranno essere molto più preparate su tutti gli argomenti in modo da far vivere ai loro clienti una vera e propria esperienza all’interno del ristorante e -continua Stefano- dovranno sempre più partecipare alla “vita” imprenditoriale dell’azienda per la quale lavorano.
Invece una delle conseguenze tristi e problematiche potrebbero essere i ristori risultati insufficienti per poter sostenere le spese principali e per poter riaprire un ristorante a fine pandemia come i costi di acqua, luce, gas e internet obbligatorio per poter collegare le casse fiscali. Infine una delle preoccupazioni che riguardano sia i titolari ma anche i dipendenti sono gli stipendi che potrebbero non avere le dovute garanzie, cosa che potrebbe per più di qualcuno generare lavoro non regolare , una grossa piaga per il nostro paese.

Share Button

Comments are closed.