06/12/2022

Passo in avanti e decisivo per il rilancio di Pontebba e del suo comprensorio turistico. La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato la delibera che attiva la procedura di gara per la scelta del concessionario che porterà alla costruzione di un impianto a fune tra Pontebba e Pramollo-Nassfeld.

“Siamo finalmente alle battute finali di un percorso che consentirà di dare concretezza a un intervento determinante per lo sviluppo del comprensorio turistico dell’area pontebbana, così come prospettato in numerosi accordi e protocolli tra l’Austria e la Repubblica Italiana, nonché tra la nostra Regione e il confinante Land Carinzia”, ha commentato l’assessore alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro. La deliberà da l’avvio ad una operazione di “project
financing”, che prevede anche di realizzare importanti infrastrutture di valorizzazione turistica della zona, così
come prospettato in numerosi accordi e protocolli tra l’Austria e la Repubblica Italiana, nonché tra la nostra Regione e il confinante Land Carinzia. “Con la delibera odierna – ha concluso Santoro – abbiamo definito
quali saranno gli elementi e i termini di gara e fissato definitivamente l’entità dell’impegno finanziario regionale. Ora costituiremo uno specifico gruppo di lavoro per la valutazione degli aspetti tecnici e di natura economica”.

ndd
Checchè se ne dica sui vantaggi ai carinziani che deriverebbero da questo impianto costruito su suolo e con un rilevante impegno finanziario italiani, va detto che per Pontebba è probabilmente l’unica occasione per rilanciarsi. Non vale la pena preoccuparsi più di tanto sul maggiore afflusso di turisti italiani o, in particolare, dal Friuli Venezia Giulia,sulle piste austriache. I numeri del turismo italiano sulle piste di Pramollo Nassfeld non sono neanche minimamte paragonabili a quelli del turismo austriaco, sia pendolare che residenziale. E ciò non si deve alla presenza o meno di un impianto di risalita dall’Italia ma a caratteristiche di bacino demografico. Questo non vuol dire che le cose debbano rimanere così come sono e quindi rendere più comoda l’ascesa a Pramollo da Pontebba diventa elemento che fa la differenza nel miglioramento dei flussi anche verso questa località di fondo valle ,a patto che non diventi un puro e semplice fenomeno di transito e di parcheggio auto. Eventi, attività originali e valorizzazione architettonico- urbanistica sono necessarie.

Share Button

Comments are closed.