30/11/2022

La sensuale, raffinata signora della canzone italiana, Ornella Vanoni, approda sul palco dell’Arena del Casinò Perla a Nova Gorica, domani 18 marzo, per un concerto da non perdere. Insieme a lei, tre grandi musicisti che contribuiranno ad esaltare il suo tipico stile interpretativo e il suo peculiare timbro vocale: Roberto Cipelli al pianoforte, Bebo Ferrara alla chitarra e Piero Salvatori al violoncello.

Questa artista a tutto tondo presenterà al pubblico di Nova Gorica “Ornella Free Soul”, un’esperienza che spazia dal jazz alla bossa nova, abbracciando i successi di sempre e le radici soul che caratterizzano le sue interpretazioni più intense.

Dagli esordi sotto la guida artistica di Giorgio Strehler alle intense prove di attrice, fino al sodalizio con Gino Paoli e tanti altri protagonisti del mondo cantautorale e musicale italiano, la carriera di Ornella Vanoni è costellata di sperimentazioni evolute, che l’hanno vista cimentarsi in progetti ambiziosi e lungimiranti.

Indimenticabili, ad esempio, la collaborazione con Vinicius de Moraes e Toquinho per la realizzazione dell’album “La voglia la pazzia l’incoscienza l’allegria” e le frequenti incursioni nel jazz, insieme ad altri artisti di fama internazionale.

Con le “canzoni della mala”, i brani romantici e struggenti che si sono cristallizzati nel cuore e nella memoria di tutti gli italiani e i successi più recenti dell’album “Meticci”, Ornella Vanoni ha venduto milioni di dischi in tutto il mondo ed è unanimemente considerata una delle più grandi Interpreti della canzone italiana.

NDR
Il palco dell’Arena si dimostra ancora una volta all’altezza del suo prestigio, dopo aver ospitato lungo gli anni artisti di fama internazionale, senza dimenticare una continuata attività che, con casenza settimanale per tutto l’anno, permette a cantanti, musicisti, ballerini, attori, anche meno conosciuti ma comunque selezionati per bravura e qualità, di calcare il palcoscenico. Tutto ciò non sarebbe possibile- si potrebbe commentare- se non ci fosse il gioco d’azzardo, potenzialmente dannoso per la salute. E si potrebbe obiettare che lo spettacolo così finanziato e presentato come biglietto da visita si macchia di qualche colpa, di qualche complicità. Noi però non siamo convinti che le distorsioni provocate da un approccio errato al gioco debbano poi riflettersi sui lati positivi dell’intrattenimento (anche quelli del gioco stesso)che il Gruppo Hit così ben orchestra a beneficio del pubblico.

GFB

Share Button

Comments are closed.