11/06/2024

“Miniköche”, per cucinare divertendosi ‘senza confini’, riceve 10.000 euro dal fondo per la gioventù ATRIO S’COOL. Coinvolge tre scuole: una in Carinzia, una in Italia e una in Slovenia

Il progetto scolastico “Miniköche”, ideato per “cucinare ed imparare” giocosamente in un’ottica senza confini è stato finanziato con 10.000 euro dal Fondo Gioventù ATRIO S’COOL, istituito dallo shopping center ATRIO di Villach per sostenere originali idee di collaborazione transfrontaliera tra giovani di Austria, Italia e Slovenia.

“Il Fondo Gioventù S’COOL – spiega il direttore generale di ATRIO, Richard Oswald – ha sostituito il Future Fund ATRIO negli ultimi dieci anni: ATRIO continua così a sostenere ora solo progetti scolastici transfrontalieri. Il prerequisito per l’assegnazione di una sovvenzione – continua – è che il progetto sia sviluppato da una scuola carinziana insieme a una scuola italiana o slovena”. ( in foto richard Oswald)

TRE SCUOLE VINCITRICI

Il progetto vincitore di quest’anno, “Miniköche” nella regione Alpe-Adria, è animato da ben tre scuole nei tre Paesi confinanti: avviato da Günter Walder, insegnante di cucina presso l’Istituto per il turismo di Warmbad Villach e presidente del Club dei cuochi della Carinzia, inizierà a settembre, coinvolgendo la FBS Warmbad Villach, lo IIS Giancardi Galilei Aicardi di Alassio (Savona) e la Sredinja sola za gostinstvo in turizmen di Maribor (Slovenia).

Gli alunni delle scuole partner si riuniranno in imprese di ristorazione selezionate in Carinzia, Italia e Slovenia, per preparare insieme i piatti tipici dell’Alpe-Adria, usando prodotti genuini, sani e locali. “Circa dodici aziende apriranno le loro porte ai nostri giovani cuochi – afferma Günter Walder, egli stesso un cuoco appassionato – per fornire loro spunti sulla loro arte culinaria e consigli per decorare e servire.

UN PROGETTO CHE VALORIZZA LA CUCINA LOCALE

La cucina sana con ingredienti naturali e freschi, preferibilmente di produttori locali, è al centro dell’attenzione “. Un progetto che riunisce due aspetti importanti: da un lato, è promossa la consapevolezza di una sana alimentazione e del cibo locale tra i giovani e, in secondo luogo, “si possono superare le barriere linguistiche e apprendere le culture dei Paesi vicini, collaborando uniti a questo progetto”, sottolinea il Center Manager di Atrio Richard Oswald.

IL LIBRO

Alla fine del progetto, i giovani allievi raccoglieranno in un volume le ricette sperimentate insieme e le tradizioni culturali nella regione Alpe-Adria, diventando “greeter” culinari e culturali della regione. Il premio (10.000 euro) è stato consegnato di recente ai vincitori alla presenza del governatore della Carinzia, Peter Kaiser, del sindaco di Villach, Günther Albel, del direttore per l’educazione Rudolf Altersberger e di Christoph Andexlinger, responsabile del Centro di Gestione della SES Spar europee Centri commerciali (proprietario di ATRIO).

LA GIURIA

La giuria del premio era composta dal Governatore Peter Kaiser, dal sindaco di Villach Günther Albel, dal CEO di SES Marcus Wild, da Christoph Andexlinger, responsabile del Centro di gestione di SES e per ATRIO dal manager Richard Oswald. La prossima assegnazione del fondo per i giovani si terrà nella primavera del 2019, i progetti “transfrontalieri” possono essere inviati fino al 31.12. 2018.

Share Button

Comments are closed.