13/06/2024

La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia impiegherà più risorse nell’acquisto di vaccini, in vista della profilassi obbligatoria per l’iscrizione a scuola. Il basso costo dei vaccini inciderà relativamente poco sulla spesa sanitaria regionale – commenta l’assessore alla salute, Maria Sandra Telesca – e comunque non preoccupa- precisa l’assessore – “perchè il risparmio non non si misura in termini economici ma di salute della popolazione”.

L’assessore, intervenendo nel corso di un incontro pubblico sulle vaccinazioni organizzato dall’associazione culturale Agorà, ha aggiunto che si sta redigendo un piano regionale in grado di rispondere anche alla rivaccinazione che interessa 7 mila bambini del distretto di Codroipo, rimasti vaccinalmente scoperti, in seguito al noto caso dell’infermiera che faceva finta di vaccinare.

Telesca ha indicato come la spesa annuale per i farmaci, soprattutto oncologici, è di 400milioni di euro mentre per i vaccini si è passati da circa 7 a 10 milioni con previsione di arrivare a 13 milioni. Importante è la comunicazione. “In questo senso verrà rafforzata, in un’ottica di rete, un’organizzazione che comprende i distretti sanitari, i dipartimenti di prevenzione, i punti nascita, i pediatri di libera scelta, le ostetriche, per fornire risposte uniformi e fugare eventuali dubbi sulle vaccinazioni”.

Durante il dibattito, gli esperti hanno evidenziato la non correlazione fra vaccini e autismo oltre al fondamentale ruolo delle vaccinazioni nel prevenire un’ampia serie di malattie – varicella, difterite, morbillo, orecchioni, pertosse, poliomielite, tetano – che nel passato hanno causato il ricovero e, a volte, la morte di moltissimi bambini.

Share Button

Comments are closed.