18/05/2024

Si è conclusa a Osijek la missione in Croazia della delegazione del Friuli Venezia Giulia
guidata dal presidente del Consiglio regionale Franco Iacop, della quale facevano parte anche il presidente del mercato ortofrutticolo di Udine Ferdinando Milano, la responsabile del
settore ricerca e sviluppo dell’Ersa Sonia Venerus e, per il mondo della cooperazione, Graziano Lorenzon.

AGRICOLTURA,ENERGIA,LEGNO E TRASPORTI FLUVIALI
Dopo gli incontri di martedì a Osijek e Vukovar incentrati su temi economici quali agricoltura, produzione del legno, energie rinnovabili, distretti industriali, trasporto fluviale, la delegazione del FVG ha incontrato il vicepresidente della Contea di Osijek-Baranja, Zeljko Kraljicak, assieme al vicepresidente di quell’Assemblea legislativa e a diversi rappresentanti del mondo
agricolo e docenti universitari con i quali sono state approfondite ulteriori ipotesi progettuali di
collaborazione tra il Friuli Venezia Giulia e quella realtà.

PUNTI DI RACCORDO CON IL PSR
Il presidente Iacop ha illustrato i contenuti del Piano di sviluppo rurale del FVG, le cui linee portanti hanno molti punti in comune con le problematiche che quella Contea che potrebbero
costituire elementi importante sui quali costruire la nuova convenzione tra FVG e Osijek-Baranja.

LA STRADA DELLE MELE COME ESEMPIO
Come già nel corso dei primi colloqui, è emersa la volontà di confrontarsi con metodologie già sperimentate con successo nella nostra regione, ad esempio nella produzione delle mele,
abbondante e di qualità ma frammentata in tanti piccoli produttori che stentano a inserirsi sui mercati.

CONTEA SI GUARDA AL FRIULI PER RIMEDIARE A SCARSA AUTONOMIA

Un limite della Contea è costituito dalla scarsa autonomia dallo Stato centrale, che non sempre riesce a cogliere le potenzialità dei diversi territori e che quindi spinge per produzioni dove non
vi sono tradizione e vocazione, con scelte che non sempre si rivelano vincenti. Per questo motivo la Contea guarda al Friuli Venezia Giulia con grande interesse per trovare risposte alle
esigenze dei suoi produttori. Una di queste è senz’altro l’Ersa, il cui ruolo e la cui attività nel campo della sperimentazione, dell’accompagnamento tecnico, della certificazione di qualità
sono stati messi in evidenza da Sonia Venerus.

TURISMO COLLEGATO ALL’AGROALIMENTARE

Si è infine parlato di come poter potenziare il turismo collegandolo all’agroalimentare, dove il FVG può mettere in campo esperienze come produzione di olio, fattorie didattiche, albergo diffuso, un sistema – ha sottolineato il presidente Iacop – che è riuscito a inquadrarsi in una filiera molto più ampia. La firma del rinnovo della convenzione – ha concluso – potrà consentire la prosecuzione da un lato e l’avvio dall’altro di interessanti progetti di collaborazione tra Friuli Venezia Giulia e
Osijek-Baranja.

Share Button

Comments are closed.