01/10/2022

Si è conclusa a Graz in Austria, con la spettacolare cerimonia di chiusura, la Special Olympics World Winter Games 2017. I Giochi Mondiali Invernali hanno portato in Austria oltre 15.000 spettatori. Grandi artisti, cantanti, soubrette internazionali hanno dato il loro contributo per lo spettacolo conclusivo a Graz, ma il momento più emozionante è stato toccato dal discorso di Arnold Schwarzenegger, congedando gli atleti che tra Ramsau, Schladming e Graz, che si sono affrontati e confrontati nelle competizioni iridate. Oltre 2.700 Atleti con e senza disabilità intellettiva provenienti da 107 nazioni hanno scritto la storia del Movimento Special Olympics, cimentandosi in 9 specialità dello sport invernale: pattinaggio artistico (tradizionale e unificato), pattinaggio di velocità su ghiaccio, floorhockey (tradizionale e unificato), floorball (tradizionale e unificato), corsa con le racchette da neve, sci alpino, sci nordico, snowboard e stickshooting.

ern-striscione

Per quanto riguarda l’Italia, 34 sono stati gli Atleti che hanno realizzato il sogno di rappresentare l’Italia a un evento di livello mondiale. Tra forti abbracci, strette di mano, pacche sulla spalla e qualche lacrima, ognuno ha preso coscienza della grande opportunità da cogliere al volo, da vivere al meglio, mettendo “tutte le forze” in questo straordinario viaggio di sport e di vita.

ern IMG_9452Arnold Schwarzenegger è rimbalzato alle cronache mondiali anche con un suo video che ha pubblicato sui social network, al quale un utente ha commentato asserendo che “Le Special Olympics non hanno nessun senso. Le Olimpiadi servono a far sì che i migliori atleti del mondo competano l’uno contro l’altro per determinare chi è il migliore. Se uno fa gareggiare dei ritardati, sta facendo il contrario!”. La replica di Schwarzenegger non è tardata ad arrivare: “Ti garantisco che questi atleti hanno più coraggio, compassione, cervello, abilità e direi anche ogni altra possibile qualità umana positiva, di te”, ha ribattuto l’ex governatore della California, prima di rivolgere allo sconosciuto un consiglio spassionato: “Segui il loro percorso, potresti imparare da loro e cercare di sfidare te stesso, di restituire, di ridare qualcosa al mondo”. “Oppure puoi rimanere sul tuo percorso e continuare a essere un troll triste, pietoso e geloso che non aggiunge nulla al mondo, ma prende in giro per un’ottusa gelosia chiunque faccia qualcosa. So che tutto quello che vuoi è attenzione”, ha chiosato Terminator, “per cui vorrei essere chiaro: se scegli di andare avanti in questo modo, nessuno si ricorderà di te”.

I risultati per gli atleti d’Italia sono stati davvero lusinghieri: 14 medaglie d’oro, 9 d’argento e 14 di bronzo. Il cuore pregno d’emozione pulsò fortemente quando la nostra corregionale Luisa Polonia risultò la più veloce nello Slalom, dopo aver conquistato la medaglia di legno (4° posto) nel Super G. Questo ha fatto gridare di gioia Giuliano Clinori, responsabile regionale del Friuli Venezia Giulia di Special Olympics, che sebbene fosse sicuro delle potenzialità di Luisa Poloni per le capacità, la preparazione e la grande passione, vederla sullo scalino più alto del podio è sempre un’emozione grandissima.

Il più importante evento sportivo invernale mondiale dell’anno, concluso dopo dieci giorni di gare, spettacoli e manifestazioni cheern IMG_9425 hanno messo il luce l’intera Stiria, la regione di Graz, seconda città dopo Vienna, con le strutture avveniristiche che ospitano le forti tradizioni. Con un’ospitalità fuori da comune, l’Austria ha saputo accogliere oltre 2.600 atleti provenienti da 105 nazioni, accompagnati da oltre 3.000 volontari, senza dimenticare i 600 giornalisti accreditati provenienti da tutto il globo per dare eco a Special Olympics.

A livello mondiale il prossimo appuntamento sarà nella capitale degli Emirati Arabi Uniti per i World Summer Games, il prossimo grande evento di Special Olympics, che sono stati attribuiti ad Abu Dhabi per il 2019. Special Olympics International ha preso questa decisone all’unanimità. La visione e la volontà concreta d’inclusione delle persone con disabilità mentale di questo Emirato hanno fortemente convinto i membri del consiglio. Una rappresentanza inviata da Khalifa bin Zayed Al Nahyan, 68enne presidente degli Emirati Arabi Uniti (Uae) ed Emiro di Abu Dabhi a Graz in occasione della cerimonia di chiusura.

Per l’Italia ci saranno i XXXIII Giochi Nazionali Estivi, da maggio a luglio vedremo oltre 2900 atleti con e senza disabilità intellettiva. Venti sport e molteplici le specialità proposte. Il nuoto, che conta il più alto numero di atleti in gara, viene offerto su due tappe. In tutte le tappe sono invece previsti inviti a Paesi stranieri che daranno all’evento un respiro internazionale. Si disputeranno a Terni dal 10 al 14 maggio, (Atletica, nuoto, tennis, tennis tavolo, rowing – canottaggio, golf), a La Spezia  dal 11 al 15 giugno (Basket, calcio, ginnastica artistica e ritmica, badminton) e a Biella dal 3 al 8 luglio (Nuoto, nuoto in acque aperte, bocce, equitazione, pallavolo, rugby, bowling, vela).

ern medagliere

Marco Mascioli

 

Share Button

Comments are closed.