11/06/2024

“Un progetto di respiro strategico per la nostra regione sul quale si possono sviluppare altre proposte collaterali . Con questa iniziativa costruiamo reti di impresa, collegamenti fra il mondo dell’impresa carinziana e del FVG”.
Lo ha affermato il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Udine, sul progetto Interreg Italia-Austria “Riscoperta delle antiche vie di pellegrinaggio fra Carinzia e Friuli Venezia Giulia: l’arte del cammino WalKartFvg”.

“Questa opportunità – ha aggiunto Bolzonello – va colta per dare una svolta e rafforzare il turismo legato ai cammini lungo le antiche vie di pellegrinaggio. È un progetto – ha evidenziato – che può contribuire a sviluppare infrastrutture e servizi di accoglienza per quelle migliaia di persone che vogliono attraversare il nostro territorio per ritrovare sensazioni dimenticate e vivere emozioni culturali, storiche, religiose e paesaggistiche”.

Il progetto, guidato dalla Comunità Collinare che l’ha ideato, ha come partner Promoturismo Fvg e Kärnten Mitte, quest’ultimo l’ente che promuove il turismo nella parte centrale della Carinzia, e può contare su un budget di circa un milione di euro.

WalKartFvg, le cui attività dovranno concludersi entro il 31 luglio 2019, individua una serie di priorità e strategie volte a promuovere e finanziare non solo la segnaletica e la pubblicistica ma anche una rete di ospitalità diffusa lungo le principali arterie individuate.

Nell’ambito del progetto è prevista la formazione degli operatori turistici, conferenze conoscitive, un festival internazionale dei cammini e otto pacchetti turistici mirati. E ancora Guide, mappe, un portale web e una app per smartphone e tablet.

Collegamenti e sinergie saranno creati anche con i percorsi finanziati con precedenti progetti europei come la via delle Malghe e l’Alpe Adria Trail, impegnativo percorso di trekking transfrontaliero che tocca Tarvisiano, Valli del Natisone, Austria, Slovenia e Trieste.

L’evento di lancio del progetto WalKartFvg si svolgerà il 18 marzo 2017 a San Daniele del Friuli nell’ambito della seconda edizione degli Stati Generali dei Cammini del Friuli Venezia Giulia (17-19 marzo 2017).

A conclusione del progetto, nel 2019 verrà riaperto l’Hospitale di San Giovanni a San Tomaso di Majano, fondato nel 1199, l’unico superstite dell’antica rete di ospitalieri fondati dagli ordini monastico-cavallereschi nel periodo medioevale per dare ospitalità e cure ai pellegrini diretti in Terra Santa. Nell’Hospitale saranno allestite le sale per l’accoglienza dei pellegrini, 12 posti letto e una sala convegni dedicata all’attività di divulgazione della cultura dei
cammini.

Sono intervenuti alla conferenza stampa pure Hannes Slamanig, in rappresentanza dell’amministrazione carinziana, e Andreas Duller, direttore di Kärnten Mitte, che ha sottolineato come la Carinzia sia impegnata già da 10 anni sul tema dei cammini e abbia costruito più di 500 chilometri di vie di pellegrinaggio.

Share Button

Comments are closed.