11/07/2024

Gorizia,  Dic 2022 – Uno spazio “smart” dove la tecnologia digitale di ultima generazione consente di raccontare in maniera immersiva e coinvolgente ogni tipologia di contenuto, a partire dalla cultura, dall’arte e dalla storia, dalla divulgazione scientifica alle peculiarità del territorio. Si chiama Smart Space, sfugge alle definizioni tradizionali di galleria d’arte o spazio per eventi: è un luogo in cui una collezione di nuove tecnologie permette di creare finestre digitali su tanti mondi reali.

Lo spazio – che si trova al piano terra della sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia – è stato riaperto al pubblico   nell’ambito delle celebrazioni per i trent’anni dalla nascita della Fondazione CariGO. Lo Smart Space è  un tassello fondamentale del più ampio progetto CariGO Green per la valorizzazione del territorio goriziano: Carso XR, Isonzo XR, Collio XR.

“Smart Space – spiega il Presidente della Fondazione Carigo Alberto Bergamin – è uno spazio innovativo a disposizione di una intera comunità: è un modo sostenibile di realizzare percorsi espositivi, creare connessioni sul territorio, raccontare in modo divulgativo e nuovo cultura e arte, e promuovere l’intera provincia di Gorizia”.

All’interno dello  Smart Space   18 proiettori laser a risoluzione 4K, 8 schermi touch e 7 display ad alta definizione, 16 visori per la realtà virtuale di ultima generazione: L’infrastruttura per le mostre digitali è divisa in 5 spazi: la hall centrale che ospita i touch screen interattivi, l’area Immersive Experience che propone un percorso multimediale in projection mapping, lo spazio Virtual Worlds per le esperienze in realtà virtuale, la Multimedia Lounge/sala cinema e gli spazi espositivi “analogici”, dove il digitale si incontra con il reale ospitando opere d’arte ed oggetti.

“ Il pubblico di tutte le età potrà confrontarsi con questi strumenti e imparare a fruirli immergendosi nei contenuti che propongono, commenta il direttore generale della Fondazione Carigo Rossella Digiusto  Misureremo le nostre esposizioni non più solo in numero di opere esposte, ma anche in quantità di byte di dati che potremo mettere a disposizione gratuita del nostro pubblico, sommandoli alle opere reali che ospiteremo. Le esposizioni che organizzeremo da qui in poi creeranno un archivio digitale sempre consultabile,  tutte le mostre saranno infatti contenute nel cloud e costantemente sincronizzate sui dispositivi locali, rimanendo sempre a disposizione”.

Da domani al 4 dicembre saranno organizzate visite guidate dello spazio dedicate al pubblico, venerdì 2 e sabato 3 dicembre alle ore 17 e domenica 4 dicembre alle ore 10.

Per l’occasione, lo Smart Space sarà “uploaded”, allestito in senso digitale, con un viaggio immersivo nella storia di Gorizia e nelle origini della Fondazione.

Lo Smart Space si connette ai CariGO Green Point già presenti sul territorio – alla Casa Viatori e alla Galleria Spazzapan – costituendo una rete di punti di promozione e valorizzazione del territorio, che sarà sempre più integrata, anche in vista dell’appuntamento di GO2025. Partendo dallo Smart Space i visitatori avranno un quadro complessivo del territorio, potranno scegliere i propri itinerari, avere una visione complessiva non solo di Gorizia ma di tutta la ex provincia, e quindi visitarla.

L’inaugurazione dello Smart Space è stata preceduta da un convegno celbrativo dei trent’anni della Fondazione. L’assessore regionale alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini, ha sottolineaseto che la Fondazione   ha camminato a fianco delle comunità, ascoltando le  esigenze e supportando i più disparati ambiti di intervento con sostegni concreti e ricadute positive sul territorio”. “Le fondazioni fanno del bene alla comunità – ha sottolineato Bini – attraverso interventi su settori quali l’educazione, l’istruzione, filantropia e beneficenza, arte, attività e beni culturali sviluppo locale ed edilizia popolare locale oltre a sociale e ricerca scientifica e tecnologica”.

Durante l’evento è intervenuto per un indirizzo di saluto anche il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, attraverso un video messaggio con cui ha voluto ringraziare la Fondazione per l’importante contributo a favore dello sviluppo del Goriziano e dell’Isontino.  Per Fedriga le Fondazioni rappresentano un patrimonio rilevante, il cui ruolo significativo si avverte anche nella realizzazione dei progetti relativi al Pnrr.

Nella Sala della torre, oltre a Fedriga e Bini    sono intervenuti il presidente dell’associazione delle Casse di Risparmio e delle Fondazioni (Acri) Francesco Profumo, il presidente Alberto Bergamin e il direttore generale Rossella Digiusto della Fondazione Carigo. Presenti, fra gli altri, anche i sindaci di Gorizia, Rodolfo Ziberna, e di Monfalcone, Anna Maria Cisint.

Share Button

Comments are closed.

Open