21/02/2024

Il 9 ottobre si terrà a Udine, in sala Ajace, il sedicesimo Forum  Internazionale dell’Euroregione Aquileiese, ideato, promosso ed  organizzato dall’associazione culturale Mitteleuropa. Il forum, patrocinato  dalla CEI e dalla Regione Friuli Venezia Giulia, è un think tank  di alto livello  per l’approfindimento dell’attualità internazionale, rivolto agli studenti  universitari e agli skateholder regionali e non solo , al quale partecipano  esponenti di primo piano della diplomazia e delle istituzioni di molti paesi  della area balcanica e mitteleuropea.

 «Questa edizione è dedicata all’eredità europea del patriarcato di Aquileia,  il passato che non passa, e trae spunto – commenta il presidente di  Mitteleuropa e Console Onorario della repubblica ceca, Paolo Petiziol – dalla  straordinaria ricorrenza che vede nel 2020 il seicentesimo anniversario  della caduta dello Stato Patriarcale del Friuli, realtà statuale nata nel 1077  e conclusasi  con l’occupazione veneta di gran parte del Friuli il 19 luglio  1420. Si spegneva così una delle forme di democrazia parlamentare più  antiche al mondo (Constitutiones Patriae Foriiulii – 1231) seconda  solamente alla Magna Carta inglese (1215). Ma ciò che in realtà si intende  sviluppare con questo progetto non è un approfondimento di fatti storici,  bensì la loro attualizzazione, rapportando il tutto all’attuale momento  socio-politico.

Tutti siamo convinti che il futuro sia una pagina bianca di un quaderno su  cui scrivere giorno dopo giorno- commenta ancora Petiziol – ma in  realtà è  il nostro passato che condiziona le nostre scelte, frutto di una cultura  sedimentata in secoli e secoli di radicamento territoriale.  

È un passato che non passa perché è paradossalmente presente, sempre e  ovunque. Basta riflettere sulle parole di Franz Werfel, ebreo-praghese, ‘Nel  Crepuscolo di un Mondo’ (Locarno aprile 1936): “Gli ordinamenti politici del  mondo si danno il cambio. Ma ciò che è ordinato, governato, amministrato,  sia Paese, sia popolo, sia individuo, sopravvive, con la sua natura  congenita, a tutti questi sconvolgimenti”».


Share Button

Comments are closed.