03/02/2023

Grado, 16 gen – “La riqualificazione del polo termale avrà un ruolo importante nell’ottica del rilancio turistico di Grado, creando un’offerta che contribuisca a estendere il flusso di visitatori nell’arco dell’intero l’anno. Un primo lotto da circa 5,5 milioni di euro è già stato avviato, mentre le nuove opere di ampliamento prevedono un investimento di oltre 17,5 milioni di euro”.

Lo ha affermato  l’assessore alle Attività produttive e turismo Sergio Emidio Bini alla presentazione del

progetto di ampliamento del polo termale di Grado, svoltasi presso il municipio della località lagunare alla presenza, tra gli altri, del sindaco Claudio Kovatsch e del presidente di Grado impianti turistici Roberto Marin.

Il piano di riqualificazione si svilupperà su una doppia linea di intervento, resa possibile da un’intesa siglata a fine 2022 da Regione, Comune di Grado e PromoTurismoFvg: da un lato il recupero e la valorizzazione dell’attuale stabilimento (lavori in corso con conclusione stimata per l’inizio di questa estate), dall’altro la realizzazione di un nuovo edificio per le cure termali e di un parco acquatico, oggetto della presentazione odierna. L’obiettivo, in questo caso, è di assegnare l’appalto nel corso dell’anno per avviare il cantiere in tempi rapidi.

Da sinistra: Claudio Kovatsch (sindaco Grado), Sergio Emidio Bini (assessore regionale Attività produttive e Turismo), Roberto Marin (presidente Git Grado)

L’area del fabbricato esistente sarà destinata ad ospitare le nuove funzioni del ristorante e dell’area wellness e spa (reparto inalazioni, fisioterapia, idrokinesiterapia) e sarà collegata con il nuovo impianto tramite una passerella che, dall’atrio con biglietteria delle terme, condurrà alle nuove piscine al chiuso e

all’aperto e ai relativi spazi accessori. Le piscine, dedicate non solo alle famiglie ma anche al nuoto sportivo, saranno alimentate sia con acqua dolce sia marina, avranno una superficie totale di specchio d’acqua superiore a 1.300 metri quadri e potranno ospitare contemporaneamente più di 430 utenti.

Elementi cardine del progetto sono  l’integrazione dei diversi servizi  e la sostenibilità ambientale, attraverso la riduzione del consumo di nuovo suolo, l’utilizzo di materiali a bassa emissione di composti organici, il recupero delle acque meteoriche per l’irrigazione e la massimizzazione delle aree verdi con l’introduzione di specie autoctone di alberi e arbusti.

Share Button

Comments are closed.