19/02/2024

Finanziare per il 2021 tutte le linee contributive previste dalla normativa regionale a favore di  sport e cultura e mantenere pazienza e tenacia per pianificare il futuro, malgrado l’incertezza del  conteso pandemico, perché i settori sportivo e culturale sono fondamentali per la nostra comunità e la Regione è al loro fianco in questo momento difficile. 

E’ il segnale di fiducia lanciato dall’assessore regionale alla Cultura e allo Sport, Tiziana Gibelli, nel  corso  del recente infoday i in cui è stata illustrata la modalità di presentazione delle domande di  contributo per le manifestazioni sportive così come previsto dal Testo unico in materia di sport che  disciplina, all’articolo 11, gli interventi a favore delle manifestazioni sportive, agonistiche e  amatoriali nel territorio del Friuli Venezia Giulia. 

“Dobbiamo  continuare a tenere a mente la nostra direzione che vede lo sport e la cultura  – ha  sottolineato Gibelli – come aspetti fondamentali della vita delle persone”. Durante la videoconferenza organizzata dalla direzione regionale alla Cultura e Sport si è ricordata  la possibilità, contenuta nella legge regionale 10/2020 misure urgenti in materia di cultura e sport, di utilizzare i contributi 2019-2020 per le manifestazioni che, a causa della  pandemia, non sono state realizzate. Per l’annualità 2019 c’è tempo fino al 30 aprile 2021

e per le altre fino al 30 aprile 2022.

 E’ stato ricordato, inoltre, lo stanziamento di un importo straordinario per la sanificazione nelle  palestre ad uso scolastico a favore delle associazioni che svolgono le attività in quelle strutture.  “Si tratta di 4milioni di euro stanziati con l’assestamento di luglio – ha detto Gibelli –  che   verranno trasferiti alle Federazioni tramite il Coni”.

L’infoday è servito a   fornire informazioni  sulle modalità per accedere ai contributi per le

manifestazioni sportive, agonistiche e amatoriali anche a carattere transfrontaliero che si  realizzano in Friuli Venezia Giulia  e che si svolgeranno dal 1° gennaio 2021 al 30 aprile

2022.

Destinatari degli interventi sono le associazioni e le società sportive senza finalità di lucro, i  comitati regionali delle federazioni sportive nazionali e delle discipline sportive

associate, il Comitato regionale del Coni, le articolazioni territoriali sovracomunali degli enti di  promozione sportiva, i comitati organizzatori locali formalmente costituiti. 

Come è stato illustrato, la misura massima del contributo non può essere superiore al 100% della  spesa ammissibile, all’importo del contributo richiesto nella domanda e a euro 50.000,00 e  dipenderà dalle risorse finanziarie disponibili e dal punteggio assegnato alla manifestazione. Fra  le tipologie delle spese ammissibili, rientrano i costi relativi al trasferimento, vitto e

pernottamento in strutture ricettive non di lusso per atleti, tecnici, arbitri, giudici di gara,  collaboratori, affitto di impianti sportivi, noleggio di mezzi di trasporto e di attrezzature, spese per  la comunicazione, per l’assistenza sanitaria e per le coperture assicurative.

Le domande dovranno essere presentate mediante l’accesso al sistema informatico “Istanze on  line” entro le 12 del 30 novembre prossimo.

Share Button

Comments are closed.