24/02/2024

di Igor Pezzi

Nella 35esima puntata abbiamo incontrato per la prima volta in Radio&Guest un artista. Luca Buosi, compositore friulano di Maniago (PN) classe 1982. Luca inizia a studiare pianoforte all’età di 11 anni e nel 2013 si avvicina al mondo del cinema grazie alla produzione Ivan Vadori con Carlo Lucarelli e don Luigi Ciotti.

Successivamente ha collaborato con il regista triestino Andrea Andolina della 040Film, casa di produzione cinematografica indipendente, nella creazione delle musiche di alcuni cortometraggi, quali “ANNA” (2016), “THE BOX” (2013) e “IL MIO GIARDINO” (2014), distribuito in tutto il mondo.

Negli anni seguenti ha avuto modo di lavorare con molti altri registi italiani: Ronnie Roselli (“ANDARE AVANTI” del 2016 con Dennis Fantina), Ivan Centazzo Castelrotto (“LA FERROVIA PEDEMONTANA DA SACILE A GEMONA” – documentario del 2017), Christian Canderan della Sunfilms, per il quale ha avuto piacere di dare il proprio contributo musicale nel film “UN FERRAGOSTO ALL’ITALIANA” (2017), premiato come Miglior Film Straniero al Cardiff Film Festival; nel marzo 2020 ha completato a musica del primo film della X Company, “THE GREAT CIRCUS SHOW”, e ha realizzato la colonna sonora del cortometraggio “13 SCATTI” del regista toscano Leonardo Barone con Nicole Petruzza, che sta ottenendo un successo mondiale. Ha infatti collezionato una serie di numerosi premi: ha vinto l’Europe Film Festival in Regno Unito, ha vinto il premio come migliore Fantasy all’Istanbul Film Awards, quello per il miglior cortometraggio fantasy all’Hollywood Blood Horror Festival.

Luca si è dedicato molto allo studio, praticamente da sempre, e non ha mai smesso. Il sacrificio lo ha portato a intraprendere diverse strade e tante collaborazioni di successo. Come dice nell’ intervista, ha “sacrificato” quelli sono per tutti i momenti liberi come, per esempio, un sabato sera al cinema per potersi dedicare a quella che è più una vocazione oltre ad essere un grande passione ma che, sicuramente, ora è la sua professione, quella del compositore di musica per le colonne sonore per Films e cortometraggi. Nello specifico, Luca ci spiega che non è semplice interpretare quello che il regista vuole, “con la musica bisogna saper far parlare anche i silenzi, anch’essi devono dare la giusta emozione e poi – continua – uno degli aspetti più difficili è saper cogliere il carpe-diem, dove si lavora sugli spunti che il regista può dare ma non essendo un musicista ci devi mettere del tuo”.

Share Button

Comments are closed.