22/02/2024

di Igor Pezzi

Nella 78eisma puntata, abbiamo incontrato Gianpietro Micheluz, inviato di Sciare Magazine, mensile che da oltre 50anni ci racconta il mondo dello sci dell’agonismo ai fans club che seguono i loro idoli.

A proposito degli sci club abbiamo chiesto a Micheluz, che cosa ne pensa e qual’è l’importanza dello sci club.

Micheluz ci dice lo sci club è fondamentale perché si tratta del collegamento tra la famiglia e il mondo dello sci, e questo per un bambino è fondamentale. L’età per sciare varia e si può iniziare dai 2 anni e mezzo fino a quando il fisico risponde e si è in forma, ci sono sciatori ultra 80enni che si divertono.

Lo Sci Club, negl’ultimi anni, è passato in secondo piano anche causa delle spese che si devono sostenere, sciare costa è risaputo, e queste spese spesso gravano solo sulle famiglie, fino al punto che diventa non più sostenibile. La conseguenza è semplice, il piccolo sciatore non ha più la possibilità di proseguire sulla strada dell’agonismo nel caso si trattasse di gare ufficiali, e in alcuni casi si vede costretto a stoppare una carriera a livello nazionale. Sembra una battuta ma non lo è, si pensi solo che una stagione sciistica in nazionale può costare fino a 40 mila euro. È dsavvero un peccato -continua Micheluz – che non si ci siano dei fondi destinati per aiutare queste famiglie ma anche il vivaio dei sciatori o snowboardisti di un domani. E poi ricorda anche le iniziative di un ex campione come Massimiliano Blardone che si è mosso in tal senso.

Share Button

Comments are closed.