18/08/2022

Nelle prossime settimane vi sarà una accelerazione per far conoscere ancora di più ai Comuni del Friuli Venezia Giulia gli straordinari strumenti di sviluppo messi a disposizione dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), che assegna ad oggi al territorio regionale oltre 1 miliardo e 541 milioni di euro (per la precisione 1.541.594.258,70 euro). E’ quanto è emerso dal quarto incontro della Cabina di regia per il Pnrr, che si è tenuta   in Regione.  Per aiutare ulteriormente le amministrazioni locali e le associazioni di categorie presenti sul territorio, partirà a breve una newsletter, con informazioni utili anche dal punto di vista della digitalizzazione, e in autunno sarà organizzato un ciclo di incontri con i sindaci e i tecnici comunali, che potranno così ottenere tutte le indicazioni per superare le difficoltà burocratiche legate alla partecipazione ai bandi.

Attraverso queste azioni – ha spiegato l’assessore alle Finanze – vogliamo   comunicare  l’importante lavoro fatto finora e approfondire le opportunità ancora da cogliere, in particolare per quanto concerne proprio la digitalizzazione.  Insiel – ha aggiunto l’esponente della Giunta – consentirà di dotare i Comuni del Friuli Venezia Giulia di strumenti sempre più indispensabili come PagoPA, App IO e Identità digitale Spid e Cie, ma anche dell’abilitazione al cloud per le amministrazioni locali e di nuovi servizi utilizzabili dai cittadini attraverso i siti web comunali.

Dei fondi PNRR previsti per la regione,  433.246.414,56 euro sono destinati alla Regione, 443.926.338,12 ai Comuni e 664.421.506,02 ad altri enti. Fra questi in particolare spiccano i quasi 449 milioni di euro (esattamente 448.700.000 euro) per gli interventi infrastrutturali in ambito portuale per gli scali di Porto Nogaro, Trieste e Monfalcone; gli oltre 60 milioni di euro (60.210.000) per il miglioramento dell’agrosistema irriguo del Consorzio bonifica pianura friulana; gli oltre 45 milioni di euro (45.360.000) per le opere sulla rete ferroviaria; gli oltre 41 milioni di euro (41.200.717,57) per la manutenzione straordinaria e l’efficientamento energetico dell’edilizia scolastica.

Illustrati inoltre gli investimenti già iscritti a bilancio in questo mese: 129.527.448,68 euro per le politiche legate alla salute (38,81%), 92.686.559,64 euro per la transizione verde (27,77%), 83.897.996,17 euro per la coesione sociale e territoriale (25,14%) e 27.661.670,71 euro destinati alla trasformazione digitale (8,29%).

Share Button

Comments are closed.