11/06/2024

Una doppia manifestazione di eccellenza internazionale che mette insieme le forze, guardando oltre i campanili.

E’ in sintesi quanto espresso dall’assessore regionale alla Cultura che ha partecipato   a Sacile alla presentazione di Piano Fvg, il concorso pianistico internazionale del Friuli Venezia Giulia che torna quest’anno con la sua 25. edizione dal 30 aprile al 6 maggio a Sacile. In concomitanza il progetto Legno Vivo che partirà il 14 aprile per concludersi il 6 maggio: la kermesse unisce eventi, laboratori, esposizioni e iniziative di promozione turistica legati alla realizzazione degli strumenti musicali con il legno armonico.

Il sodalizio che si è creato ormai da anni tra l’associazione Piano Fvg e il Distretto culturale del pianoforte, secondo l’esponente della Giunta regionale, è in grado di proporre una realtà unica nel suo genere a livello regionale che esprime esperienze artistiche e progettuali legati al mondo del pianoforte e dell’artigianato musicale.

  La collaborazione che si è creata tra Legno Vivo e l’Isis di Brugnera (la scuola del mobile) è fondamentale per la riscoperta di antichi mestieri che confinano con l’arte e il coinvolgimento dei giovani che in queste professionalità possono trovare prospettive professionali molto interessanti per il futuro. Questo aspetto si lega poi alla presenza sul territorio, nel polo produttivo del legno-arredo, di produzioni di eccellenza internazionale nell’ambito degli strumenti musicali.

Il concorso internazionale Piano Fvg alla sua 25 edizione è una manifestazione ormai affermata negli anni e divenuta uno degli appuntamenti musicali più importanti a livello internazionale per mettere in luce nuovi talenti del pianoforte – sotto i 32 anni di età – provenienti da tutto il mondo. I migliori pianisti selezionati dalla giuria internazionale di assoluto prestigio si esibiranno per la prova finale con orchestra davanti alla platea del Teatro Zancanaro.

Nello stesso periodo di svolgimento del Concorso è prevista la rassegna Legno Vivo che quest’anno ampia e rinnova il progetto del legno applicato alla musica con una serie di eventi a iniziare da una mostra su “Gli strumenti antichi ad arco dalle origini ai tempi moderni” a cura dell’Istituto Stradivari di Cremona nelle sale di palazzo Ragazzoni.

Saranno inoltre esposti gli strumenti realizzati dagli studenti dell’indirizzo scolastico “Officina dell’arte” che si tiene all’Isis Carniello di Brugnera. Ulteriore novità dell’edizione 2023 vede Legno Vivo ospitare a Sacile la prima esclusiva rassegna “Artigiani della Serenissima”, una vetrina dell’artigianato di eccellenza veneziano e del territorio.

Share Button

Comments are closed.