25/06/2024

Tra quelle che viaggiano su Tir e quelle che si spostano su rotaia, sono oltre 40 milioni le tonnellate di merci che ogni anno transitano lungo il Brennero. A sostenerlo è la Cgia di Mestre che rileva come sia evidente che se l’Austria dovesse ripristinare i controlli lungo questo valico a subire gli effetti più negativi sarebbe il settore dell’autotrasporto che “assorbe” oltre il 71% del totale delle merci che entrano ed escono da questo confine. Per i Tir, così del resto come per i treni – secondo la Cgia – si allungherebbero notevolmente i tempi di ingresso/uscita con ricadute economiche molto pesanti. “Secondo uno studio redatto dall’associazione degli autotrasportatori belgi – segnala il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo – ogni ora di lavoro nel settore dell’autotrasporto costa mediamente 60 euro. Con un ritardo di sole due ore è stato stimato un aumento dei noli del 10% che ricadrà, nel medio e lungo periodo, sui costi e quindi sui prezzi dei prodotti e di conseguenza sul consumatore finale”. Il ripristino dei controlli al Brennero rischierebbero di colpire anche il sistema produttivo, soprattutto quello legato alle esportazioni del Nordest. (FONTE ANSA).

Share Button

Comments are closed.