30/11/2022

Supera i 100 milioni di euro complessivi il valore degli interventi regionali per il contrasto alla denatalità, supporto alle famiglie fin dai servizi all’infanzia, sostegno alla formazione professionalizzante e all’istruzione e revisione del sistema della ricerca regionale.

A descrivere il pacchetto  alla VI Commissione consiliare, è stata l’assessore al Lavoro, formazione, istruzione e famiglia, Alessia Rosolen.

   Per il 2021 vengono confermati 40 milioni di euro da destinare alle politiche per la famiglia, che ricomprendono anche le misure per l’infanzia e i minori. Viene confermato il Bonus natalità che assegna per i nati o adottati nell’anno 2021 un importo una tantum di 1.200 euro annui; altri provvedimenti abbracciano il sostegno alla famiglia e in particolare l’accesso ai servizi socioeducativi, il sostegno alla genitorialità nel periodo estivo (centri estivi) e la conciliazione dei tempi lavoro – famiglia. 

L’assessore ha posto l’accento sulla “volontà dell’Amministrazione regionale di muoversi in maniera complementare a quanto farà il Governo con il Family Act. Anche per questo il testo unico regionale sulla famiglia, già scritto, attende di essere coordinato con i regolamenti attuativi del Family Act che introduce l’assegno universale, così da realizzare una integrazione tra le due norme, garantendo nel frattempo il mantenimento di tutto il sistema regionale dei servizi educativi per l’infanzia e alla famiglia”.

Le risorse complessive inerenti Istruzione e diritto allo studio ammontano per il 2021 a 39 milioni di euro. In quest’ambito sono previsti assegni di studio per libri di testo e trasporto

scolastico, quale contributo forfettario per i nuclei familiari con studenti iscritti a scuole secondarie di secondo grado, entro determinati limiti Isee. Si prevede anche per l’anno 2021 di soddisfare un numero di beneficiari pari a quello degli anni precedenti, ovvero oltre 9.500 studenti. Proseguirà l’erogazione di contributi per il comodato gratuito dei libri di testo nelle scuole secondarie di primo grado e secondo grado, che interessa circa 180 istituti e 53mila studenti. A tal proposito, viene concessa agli istituti scolastici la proroga della presentazione dei rendiconti relativi all’anno scolastico 2019-2020 entro il 30 gennaio 2021.

L’assessore ha poi confermato che “prosegue una politica volta alla valorizzazione del sistema scientifico regionale per la creazione di un ecosistema regionale dell’innovazione, che poggia sul ‘Sistema Argo’, di cui all’accordo di programma sottoscritto nel 2018 con il Miur e con il Mise, in partnership con Area Science Park. A tal fine, nel 2021 verrà costituita la fondazione Argo, quale soggetto deputato alla generazione e sviluppo e innovazione di impresa verrà concretizzata la riorganizzazione societaria dei Parchi scientifici e tecnologici avviata quest’anno, che porterà anche alla soppressione del Consorzio Innova FVG”.

Share Button

Comments are closed.