31/01/2023

La raccolta differenziata spiegata in friulano attraverso una APP, il calendario e tutto il materiale di comunicazione. Presentati i progetti a un anno dal Protocollo d’Intesa siglato tra i due enti allo scopo di promuovere l’utilizzo della lingua friulana nelle attività di comunicazione istituzionale dell’azienda pubblica isontina.

Isontina Ambiente srl, la società pubblica che, con 75 dipendenti diretti, gestisce il ciclo integrato dei rifiuti nei 25 comuni della provincia di Gorizia (e in 3 della provincia di Trieste) coinvolgendo 170mila abitanti, e ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), hanno presentato i frutti di una sinergia nata un anno fa per valorizzare il plurilinguismo e, in particolare, l’uso della lingua friulana nell’ambito delle attività svolte dall’azienda goriziana e in numerosi aspetti quotidiani.

A4_2018_STAMPA_OK_FRIUL_AREA_A“Ci era chiaro da sempre – dichiara Roberto SILLI Amministratore Unico di Isontina Ambiente – che una società come la nostra, che entra ogni giorno a casa di tutte le famiglie, avesse il dovere morale di guardare con attenzione, dandone il massimo risalto, a ogni singola peculiarità del proprio bacino di riferimento, predisponendo strumenti e modalità di confronto che facilitassero sempre più il contatto con la propria utenza, non solo in osservanza della normativa vigente, ma soprattutto nell’ottica di favorire la miglior condivisione della cultura ambientale: ora dopo un anno di impegno e

 

un capillare lavoro, che abbiamo potuto portare avanti grazie al supporto costante di ARLeF, abbiamo trasformato le buone intenzioni in strumenti di comunicazione concreti”.

Quest’anno il calendario che Isontina Ambiente da oltre dieci anni consegna a tutti i suoi utenti casa per casa, e che in maniera simpatica e giocosa fornisce agli utenti informazioni utili relative alla raccolta differenziata e alle giornate di conferimento dei vari materiali, è stato realizzato anche in lingua friulana. Come fare per averlo? Può essere ritirato direttamente presso la sede ISA e i suoi sportelli o richiesto chiamando al nr 800844344 e scrivendo a segreteria@isontinambiente.it, e ISA provvederà poi a inviarlo nelle modalità definite con l’utente.

La lingua friulana è protagonista anche di importanti altri materiali di comunicazione: con il calendario quest’anno Isontina Ambiente ha recapitato casa per casa a tutti gli utenti della provincia di Gorizia la RICICLOPEDIA, un utile promemoria per avere una risposta precisa a ogni dubbio relativo alle regole per il corretto conferimento dei materiali nei singoli contenitori.

Inoltre sono stati predisposti anche in lingua friulana gli adesivi apposti sulle campane stradali per la raccolta del vetro, sui cassonetti condominiali collocati in proprietà privata e sui mastelli distribuiti alle famiglie per il conferimento dell’umido. Mentre, per questi ultimi, è già in corso la loro distribuzione ai nuovi utenti, per i restanti contenitori il piano di sostituzione dei materiali di comunicazione a oggi esistenti con quelli comprensivi della lingua friulana andrà di pari passo con gli interventi specifici programmati dalla società isontina nei prossimi mesi, nei vari comuni del territorio interessato.
Tra le novità presentate, infine, grande interesse suscita la nuova APP creata da Isontina Ambiente: uno strumento – disponibile per iOS e per Android – utilissimo per avere sempre a portata di mano non solo la risposta a ogni dubbio sulla raccolta differenziata, ma anche per conoscere il calendario dei conferimenti – diverso di Comune in Comune – la localizzazione dei centri e delle isole di raccolta e… per trovare pure numerose ricette per creare piatti gustosi riutilizzando gli avanzi alimentari e per prenotare l’asporto a domicilio di verde e ingombranti.

L’ARLeF, attraverso il suo Presidente, si è dichiarata oltremodo soddisfatta dell’interessante percorso intrapreso insieme da Isontina Ambiente per favorire l’utilizzo della lingua friulana nell’ambito del servizio pubblico di gestione ambientale, coinvolgendo direttamente migliaia di utenti, garantendo il rispetto dei diritti linguistici e realizzando un “modello” virtuoso che si inquadra perfettamente nel percorso di politica linguistica definito dalla Legge Regionale 29/07 e dal Piano Generale di Politica Linguistica approvato dalla Regione.
I due enti, quindi, hanno confermato reciprocamente la volontà di proseguire in questo percorso virtuoso di cultura ambientale e cultura di promozione linguistica. L’ARLeF, nello specifico, continuerà a fornire la consulenza tecnica in materia di politica linguistica; a prestare il proprio servizio di traduzione dei testi e il proprio supporto per la realizzazione delle iniziative previste.

Share Button

Comments are closed.