14/07/2024

Mostre, tavole rotonde, caffè scientifici, visite guidate ed esercitazioni antisismiche. Sono i geoeventi che l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS) organizza in occasione della Settimana del Pianeta Terra dal 16 al 23 ottobre. OGS per l’occasione propone in Friuli Venezia Giulia un ricco programma “per promuovere un dialogo attivo con i cittadini, far conoscere i benefici che derivano dalla ricerca scientifica, favorire una migliore conoscenza dei fenomeni naturali e diffondere le buone pratiche di sicurezza per gestire al meglio eventuali disastri naturali” spiega Maria Cristina Pedicchio, presidente OGS.

IL CALENDARIO

Si inizia lunedì 17 ottobre alla Camera di Commercio di Trieste dalle 10 alle 13 con l’incontro “Il blu di OGS: ricerca per il mare”: i ricercatori della sezione Oceanografia racconteranno l’attività di ricerca dell’OGS per comprendere il funzionamento degli ecosistemi marini, valutare gli effetti dei cambiamenti climatici e pianificare le strategie di fruizione e tutela. Dalle 17 alle 19 sarà la volta della tavola rotonda “I lavori blu del futuro” per fare il punto sulle prospettive occupazionali legate alla blue growth. E alle 19 sarà inaugurata la mostra fotografica “Obiettivo Ghiacciai: una bellezza che sta scomparendo”.

 Martedì 18 ottobre in alcune scuole delle province di Pordenone e Belluno i sismologi del Centro Ricerche Sismologiche dell’OGS coinvolgeranno gli studenti nello Speciale Shake Out #Cansiglio36, un’esercitazione su come comportarsi durante un terremoto in occasione dell’80° anniversario del terremoto del Cansiglio. Nel pomeriggio alla Libreria Lovat di Trieste dalle 18 alle 19 tre studenti di dottorato racconteranno il fascino di fare scienza solcando i mari attraverso le loro prime esperienze in missione per una campagna oceanografica a bordo di una nave da ricerca, tra robot sottomarini, studio dei vulcani sottomarini, delle emissioni di gas dal fondo mare e dei canyon sottomarini.

Mercoledì 19 ottobre ancora la Libreria Lovat di Trieste ospita il geoevento targato OGS. Dalle 18 alle 19 Martina Busetti illustrerà la geologia del Golfo di Trieste.“Il Golfo di Trieste, racchiuso tra le coste della Pianura Friulana, il Carso e l’Istria, è un archivio di informazioni geologiche, che in alcuni casi possono essere più facilmente accessibili rispetto quelle a terra. Queste informazioni ci permettono di comprendere quali sono i processi avvenuti nel corso di milioni di anni e che hanno disegnato il territorio come lo vediamo oggi” spiega la ricercatrice.

Sabato 22 e domenica 23 ottobre, infine, Open Day al CRS di Udine. Il Centro di Ricerche Sismologiche, in occasione del 40° anniversario del terremoto del Friuli, permette a tutti gli interessati, grandi e piccoli, di scoprire le attività dei ricercatori dell’OGS, i processi che generano i terremoti, i sistemi con i quali vengono misurati, e quali buone pratiche di sicurezza possono minimizzare i danni in caso di terremoto.

Share Button

Comments are closed.